Skip to main content

Cosa bere durante le Feste? Ecco i consigli di Lady Wine

È sempre bello per me scrivere consigli su cosa bere, figuriamoci poi se si tratta di dare consigli su cosa bere a Natale e durante le Feste. Il mio primo consiglio, però, resta sempre lo stesso: affidarsi al proprio gusto, scegliere sempre ciò che più ci colpisce e emoziona. Detto ciò, ecco i miei consigli per le serate di festa!

Partiamo con il brindisi, via alle bollicine!

Non è una festa se non c’è un cin. E non è una festa se non ci sono bollicine. Spolveriamo i nostri flute e mettiamoli a portata di mano che ci serviranno tanto! 

Rossetti & Scrivani, Pinot Nero Brut. Gli occhi scintillano di dolci riflessi luminosi, mentre il perlage rilascia la sua eleganza. Il naso è  intrigante e intenso, ma è alla bocca che si rivela pieno di ritmo e di gusto pieno. È l’ideale per brindare all’aperitivo di Natale e ben si abbina a diverse preparazioni a base di pesce e crostacei.

Franciacorta Barone Pizzini Animante L.A. Il colore è un luminoso tono giallo paglierino, con un perlage fine e persistente. All’olfatto emergono note che richiamano i fiori bianchi, accenti di crosta di pane, miele e frutta gialla. Al palato, si presenta fresco, piacevolmente fruttato, con un finale che regala delicati accenti sapidi. Perfetto per il brindisi e se avete optato per un risotto ai frutti di mare, questo è consigliatssimo!

Ora andiamo con i bianchi…

Solitamente le Feste regalano quasi sempre pranzi e cene dove il pesce è protagonista. Lungi dallo stabilire come fissa la regola per cui “con il pesce si beve il bianco”, anzi certi rossi o rosati sono davvero meglio, vi lascio i miei bianchi per Natale.

 Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Doc Ergo Mirizzi. Un naso ricco di frutta e fiori a polpa gialla, una ginestra gioca amorevolmente con la prugna gialla, mentre sul sottofondo resta la nota seriosa di mineralità. Il palato è morbido e potente e si lascia accompagnare da un’acidità vigorosa che regala in bocca un gusto raffinato.

Fiorduva Furore bianco Marisa Cuomo 2021. Un capolavoro dorato. Perfetto per restare in tema regale di queste feste. Seducono l’olfatto con raffinate sfumature dolci di albicocca matura, che, unite agli avvolgenti profumi di ginestra, stimolano il desiderio di assaporare. Nel momento della degustazione, si svela un universo dorato di una ricchezza senza paragoni. La dolcezza dei profumi dona sorsi romantici e salini che lasciano un’impressione indelebile sul palato, grazie alla morbidezza con cui il Furore Bianco Fiorduva di Marisa Cuomo accarezza delicatamente la bocca.

…e con i rossi

Barolo DOCG Cannubi 2019 Damilano. Un vino di notevole importanza, come l’occasione che si presente nelle feste, quella di stare insieme a chi si ama. Con una brillante sfumatura di rosso rubino nel calice, con riflessi che virano verso tonalità arancio, si apre al profumo con un’ampia e coinvolgente aromaticità. Emergono chiare note fruttate di ciliegia e prugna, accompagnate da sentori evoluti di tabacco, liquirizia e cacao. Il sorso si presenta armonioso e piacevolmente asciutto, con tannini morbidi e gustosi. Il finale si caratterizza per la sua robustezza e pienezza.

Tenuta Tignanello Marchese Antinori Chianti Classico Riserva 2020. All’olfatto, si percepiscono fragranze di frutta rossa matura che si combinano armoniosamente con piacevoli accenti di vaniglia e spezie. In bocca, si presenta avvolgente e ben bilanciato, ma anche vivace e profondo, con tannini morbidi e setosi. Un vino di personalità, con un’eccellente espressione del territorio, contraddistinto da un finale lungo e persistente.

Potrebbero interessarti anche questi articoli.

Leave a Reply

tre × uno =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it