Skip to main content

Mauro Colagreco si aggiudica il primo posto. Tra i primi 50 solo due italiani: Crippa e Alajmo

Si è svolta a Singapore la diciottesima edizione del The World’s 50 Best Restaurants 2019. Mauro Colagreco chef del ristorante 3 Stelle Michelin del Mirazur a Menton in Francia è il miglior cuoco del mondo.

Tra gli italiani solo due nomi nella rosa dei 50: Enrico Crippa e Massimiliano Alajmo.

So Wine So Food ha seguito in diretta l’evento grazie ai suoi inviati in terra asiatica. Di seguito tutti gli aggiornamenti della cerimonia a Singapore.

  1. Mirazur – Mentone, Francia 
  2. Noma – Copenhagen,Danimarca
  3. Asador Etxebarri – Atxondo, Spagna
  4. Gaggan – Bangkok, Tailandia
  5. Geranium – Copenhagen, Danimarca 
  6. Central – Lima, Peru
  7. Mugaritz – San Sebastian, Spagna
  8. Arpège – Parigi, Francia
  9. Disfrutar – Barcellona, Spagna
  10. Maido – Lima, Peru 
  11. Den – Tokyo, Giappone
  12. Pujol – Mexico City, Messico
  13. White Rabbit – Mosca, Russia
  14. Azurmendi – Larrabetzu, Spagna
  15. Septime – Parigi, Francia
  16. Plaza Athénée – Parigi, Francia
  17. Steirereck – Vienna, Austria
  18. Odette – Singapore
  19. Twins Garden – Mosca, Russia (New Entry)
  20. Tickets – Barcellona, Spagna
  21. Frantzén – Stoccolma, Svezia
  22. Narisawa – Tokyo, Giappone
  23. Cosme – New York City, Usa
  24. Quintonil – Mexico City, Messico
  25. Pavillon Ledoyen – Parigi, Francia 
  26. Boragó – Santiago, Cile
  27. The clove Club – Londra, Regno Unito
  28. Blue Hill at Stone Barns – Pocantillo Hills, Usa
  29. Piazza Duomo – Alba, Italia
  30. Elkano – Getaria, Spagna
  31. Le Calandre – Rubano, Italia
  32. Nerua – Bilbao, Spagna 
  33. Lyle’s – Londra, Regno Unito 
  34. Don Julio – Buenos Aires, Argentina
  35. Atelier Crenn – San Francisco, Usa (New Entry)
  36. Le Bernardin – New York, Usa
  37. Alinea – Chicago, Usa 
  38. Hiša Franko – Kobarid, Slovenia
  39. A Casa do Porco – San Paolo, Brasile
  40. Tim Raue – Berlino, Germania
  41. The Chairman – Hong Kong, Cina
  42. Belcanto – Lisbona, Portogallo [New Entry]
  43. Hof Van Cleve – Kruishoutem, Belgio
  44. The Test Kitchen – Città del Capo, Sud Africa
  45. Sühring – Bangkok, Tailandia (New Entry)
  46. De Librije – Zwolle, Paesi Bassi
  47. Benu – San Francisco, Usa (New Entry)
  48. Ultraviolet – Shangai, Cina
  49. Leo – Bogotá Colombia  (New Entry)
  50. Schloss Schauenstein, Andreas Caminada – Fürstenau, Svizzera

25 giugno 2019. Oggi tutto il mondo dell’enogastronomia ha avuto gli occhi puntati a Oriente. Ci troviamo a sud della Malesia, in particolare
al Sands Theatre di Singapore dove abbiamo seguito la premiazione dei migliori 50 ristoranti al mondo.

Ad anticipare la classifica dal primo al cinquantesimo posto, ben tre premi: il Vodka World’s Best Female Chef è andato alla messicana Daniela Soto-Innes del Cosme, lo chef spagnolo José Andrés ha ricevuto l’American Express Icon Award, mentre gli italiani Riccardo e Giancarlo Camanini di Lido84 hanno ottenuto il Miele One to Watch. “Valorizziamo prodotti anche meno nobili ma estremamente eccelsi come qualità e freschezza. Siamo in 21 e lavoriamo veramente come un piccolo meccanismo perfetto”.

Quest’anno, oltre ad aver allungato la classifica fino alla posizione 120, i festeggiamenti continuano per l’anniversario della San Pellegrino che compie 120 anni.

Sorpresa cercasi…

Il board del Fifty Best quest’anno ha deciso di creare una Hall of Fame. Quindi tutti i vincitori degli anni precedenti sono stati inseriti in una speciale classifica chiamata “Fuori concorso”: questo farà si che a vincere sarà una novità.

Ecco tutte le altre posizioni, dalla 51 alla 120:

51. Reale, Castel di Sangro
52. Mikla, Istanbul
53. Arzak, San Sebastian
54. D.O.M., Saõ Paulo
55. Maaemo, Oslo
56. Relae, Copenhagen
57. Nobelhart & Schmutzig, Berlin
58. Sud 777, Mexico City
59. Burnt Ends, Singapore
60. Indian Accent, New Delhi
61. Uliassi, Senigallia
62. Nihonryori Ryogin, Tokyo
63. Florilége, Tokyo
64. The Ledbury, London
65. Selfie, Moscow
66. Core by Clare Smyth, London
67. Astrid y Gastòn, Lima
68. Fäviken, Järpen
69. Nahm, Bangkok
70. Saison, San Francisco
71. Singlethread, Healdsburg
72. Aqua, Wolfsburg
73. Maní, Saõ Paulo
74. Lasai, Rio de Janeiro
75. Diverxo, Madrid
76. Momofuku Ko, New York
77. Chef’s Table at Brooklyn Fare, New York
78. Lido 84, Gardone Riviera
79. Mingles, Seoul
80. Estela, New York
81. Quique Dacosta, Denia
82. Enigma, Barcelona
83. Dinner by Heston Blumenthal, London
84. Attica, Melbourne
85. Amass, Copenhagen
86. Tegui, Buenos Aires
87. Martin Berasategui, lasarte-Oria
88. Lung King Heen, Honk Kong
89. 108, Copenhagen
90. Alo, Toronto
91. Sushi Saito, Tokyo
92. Harvest, St.Petersburg
93. La Cime, Osaka
94. Aponiente, El Puerto de Santa Maria
95. Gaa, Bangkok
96. Belon, Hong Kong
97. Vendome, Bergisch Gladbach
98. Anne-Sophie Pic, Valence
99. The Jane, Antwerp
100. Oteque Rio De Janeiro
101. Brae, Birregurra
102. Amber, Hong Kong
103. Jade Dragon, Macao
104. Cococo, St. Petersburg
105. Kadeau, Copenhagen
106. Restaurant David Toutain, Paris
107. Il Ristorante Luca Fantin, Tokyo
108. L’Astrance, Paris
109. Alcalde, Guadalajara
110. Neolokal, Istanbul
111. Chambre Séparée, Ghent
112. St. John, London
113. Vea Hong Kong
114. La Colombe, Cape Town
115. Per Se, New York
116. St Hubertus, San Cassiano
117. Epicure, Paris
118. Ernst, Berlin
119. Atomix, New York
120. Sugalabo, Tokyo

Aggiorna la pagina



Leave a Reply

4 × quattro =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]