Skip to main content

Parole d’ordine: finezza ed equilibrio in linea con il 2020 – per le basi degli spumanti, Pinot Nero e Chardonnay

La vendemmia 2021

Un inverno freddo vecchio stile, una primavera tiepida con germogliamento tardivo e un’estate mediamente calda e secca, questi gli ingredienti base della vendemmia 2021 da Tenuta Mazzolino, il piccolo clos di Borgogna nel cuore dell’Oltrepò, con le sue vigne che si adagiano dolcemente sulle colline di Corvino San Quirico.

Le parole di Francesca Seralvo

“È un’annata classica, di quelle che piacciono a me”, afferma Francesca Seralvo, terza generazione, alla guida della tenuta dal 2015 quando abbandona la carriera da avvocato per realizzare il suo sogno “essere una vignaiola tout court, perché – afferma – è in mezzo alle vigne che sono davvero felice”.

Sveglia all’alba, stivaloni e l’entusiasmo contagioso di chi fa una cosa che ama e non sente la fatica. Tanto più che le premesse di questa annata sembrano essere ottime. “Le nevicate a fine febbraio sono state un toccasana per le nostre vigne”, spiega Francesca. “Hanno permesso un accumulo idrico che si è rivelato fondamentale, vista la secchezza di metà estate”. E se in parte i volumi ne hanno risentito, “ne ha beneficiato la qualità, complice anche un finale di stagione ventilato con una buona escursione termica, una situazione climatica ideale per le vigne”. Dopo le basi per le bollicine, “ora è il momento del Pinot Nero per la vinificazione in rosso. È uno dei più grandi vitigni al mondo, massima espressione del nostro territorio, l’Oltrepò Pavese” spiega Seralvo.

Potrebbe interessarti: La rinascita delle aziende vinicole italiane

Leave a Reply

otto − uno =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]