Skip to main content

Grande successo per Taste, il salone di Pitti Immagine che riunisce il meglio delle eccellenze del gusto

Taste: circa 5.000 gli operatori del settore intervenuti, ottime le presenze dai principali mercati esteri, con numeri in crescita da Francia (+46%), Stati Uniti (+53%), Regno Unito (+28), Olanda (+66%), Austria (68%).

In totale quasi 7.000 visitatori nei tre giorni, una grande partecipazione al programma di eventi alla Fortezza e agli appuntamenti FuoriDiTaste in città.

Il ritorno di TASTE, la cui quindicesima edizione si è svolta alla Fortezza da Basso di Firenze (26-28 marzo 2022), è stato accolto con grande entusiasmo da parte degli operatori del settore. Arrivati a Firenze per scoprire le novità e la ricchezza gastronomica delle 470 aziende protagoniste. Partecipando numerosissimi agli eventi in programma al salone e in città per il Fuori di Taste.

Le parole di Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine

La voglia di tornare a incontrarsi a Taste era tanta l’avevamo percepita forte parlando con le aziende prima del salone. Ma i risultati finali e i feedback raccolti in questi giorni vanno anche oltre le aspettative. La prima grande novità – la nuova sede della Fortezza da Basso – è stata decisamente funzionale. Sia dal punto di vista della sicurezza sia nel dare maggior respiro alla manifestazione. Con un allestimento e un percorso espositivo che hanno reso più godibile il rapporto tra espositori e compratori: una scelta messa in valore in tutti i commenti che abbiamo raccolto. Come sempre la selezione di aziende e lo scouting fatto – anche con i nuovi ingressi e le novità che queste aziende hanno portato al salone – sono stati il punto di forza di Taste, giudicati di altissimo livello.

Il tema di Taste: Zero Spreco

Una qualità e una selezione in grado di attrarre un numero in crescita di operatori professionale e buyer internazionali. Presenze sempre più qualificate tra negozi specializzati, aziende della distribuzione, department store, importatori di eccellenze italiane. Insomma molte delle migliori realtà internazionali del mondo del cibo di qualità, arrivate in Fortezza per incontrare di nuovo i loro clienti e stringere nuove relazioni. Ma Taste è anche sempre più un incubatore di tendenze, idee e temi della scena del cibo contemporaneo. A partire dal tema di questa edizione Zero Spreco. Non sprechiamo il cibo, non sprechiamo l’ambiente, affrontato in una serie di talk e presentazioni. I Ring di Davide Paolini su tendenze e temi caldi del mondo food, che assieme a tutti gli altri eventi in calendario hanno avuto protagonisti e contributi di altissimo profilo. Sono stati molto seguiti dal pubblico, dichiara Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine.

I numeri del Taste 

In totale sono stati circa 5.000 i buyer che si sono registrati, con incrementi importanti, rispetto alle presenze dell’ultima edizione del 2019. Soprattutto dal fronte estero, rappresentato da quasi 500 compratori e 50 paesi di provenienza. Con una conferma delle presenze italiane – 4.500 compratori circa – arrivati da tutte le regioni.

Le performance migliori: Francia (+46%), Stati Uniti (+53%), Regno Unito (+28), Olanda (+66%) e Austria (68%).
Molto bene anche CanadaPolonia, i paesi dell’area Scandinava, da registrare anche la partecipazione di qualche delegazione dai paesi del Far East.
Nella classifica dei primi 10 mercati di provenienza dei buyer è appunto in testa la Francia. Poi Stati Uniti, Germania, Regno Unito, Olanda, Svizzera, Austria, Spagna, Belgio, Norvegia.
Complessivamente Taste ha raggiunto 7.000 presenze totali. Grazie anche a un pubblico qualificato di cultori e appassionati del cibo di qualità.

Questa edizione del salone – la riapertura e il rilancio – ha segnato per Taste anche l’avvio di due importanti collaborazioni. Con Unicredit, già Main Partner delle fiere Pitti, per portare l’esperienza del gruppo bancario al servizio delle filiere gastronomiche nazionali. Con Vetrina Toscana, progetto di Toscana Promozione, formato benchmarking per integrare il mondo della produzione, della vendita e della ristorazione in una strategia di promozione turistica sostenibile dei nostri territori.

Per concludere, numeri importanti li ha registrati il Taste Shop alla fine del percorso attraverso le novità delle aziende. In tre giorni ha venduto quasi 13.000 prodotti.

Risultati significativi anche per l’iniziativa Taste per l’Ucraina, che ha visto Pitti Immagine e Croce Rossa Italiana insieme a supporto dei rifugiati.

Leave a Reply

14 + 1 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it