Skip to main content

De Zhuang: l’Hot Pot a Piazza Vittorio con tutti i gradi di piccantezza

De Zhuang è uno dei più grandi franchising di Hot Pot cinese. Aperto nell’ottobre 2021 a piazza Vittorio da Giorgia Chen, padrona di casa e volto del ristorante. Ma ne avete mai sentito parlare? Sapete cos’è?

L’Hot Pot è una pentola di brodo (“pentola calda” letteralmente) in condivisione posta al centro del tavolo dove poter immergere carne, pesce, verdure, funghi, noodles, etc insomma tutto quello che più vi piace.

La sua storia affonda le radici nella tradizione della cucina povera dei marinai, fatta di scarti di pesce e spezie piccanti per liberare il corpo dall’umidità.

Come funziona l’hot pot di De Zhuang?

Appena ci si siede la prima scelta da fare è la pentola. Uno o due gusti (piccante e/0 normale) o con 9 griglie che, realizzata nei tempi antichi, preservava in cottura la netta separazione dei sapori delle interiora degli animali. Si sceglie poi il brodopomodoro e funghi porcini (vegeteriano) o di carne piccante e non.

Ed è proprio questa la particolarità di questo ristorante: i 6 gradi di piccantezza (12- 36-45-52-65-75 gradi). Un’intensità data dall’olio del grasso animale fatto in casa, brevettato e registrato come “il grado di piccantezza del Signor Lu” .

Non solo, tante carni, più nobili e meno nobili. Dalla sakura di agnello o manzo, alle interiora (come coda, intestino di maiale, sanguinaccio), alla carne di anatra (lingua, zampe e trippa) ma anche pesce (come il patè di gamberi e uova di pesce volante, varie polpette di pesce, chele di granchio reale etc), verdure (come cavolfiori cinesi, crisantemi cinesi etc), pasta (spaghetti di soia, gnocchi con patate rosse cinesi), funghi (ping gu, porcini etc), alghe e tofu affumicato.

Il menù alla carta prevede inoltre piatti già cotti serviti come antipasto (involtini, riso e ravioli) e dolci, a partire dalla tipica gelatina con frutta cinese.

Le bevande di accompagnamento previste sono: birra cinese, vino (fresche per contrastare il brodo caldo) ma anche il latte di cocco per smorzarne la piccantezza.

L’ambiente raffinato e ben gestito, in perfetto stile cinese. Dettagli di colore rosso, musica di sottofondo e un clima conviviale dove il cucinare e mangiare in compagnia diventa una vera esperienza. Ospita circa 80 coperti.

Dettaglio che fa la differenza è la salsa! Un bancone all’ingresso dedicato dove poter comporre da soli la miscela perfetta. Tantissimi gusti da poter provare e combinare (satai, sesamo, ostrica, arachidi, soia, peperoncino fresco o in salsa e altro ancora) o andare sulla classica salsa universale già preparata dal locale.

Esperienza divertente e gustosa!

Leave a Reply

4 × 5 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it