Skip to main content

Roero Arneis, ogni sorso celebra l’eccellenza enologica italiana e rende omaggio a un territorio che custodisce un patrimonio enogastronomico unico al mondo

Il Roero Arneis, con la sua personalità unica e le sue caratteristiche distintive, rappresenta un’eccellenza del panorama enologico italiano. L’incantevole territorio del Roero, insieme alla passione e all’abilità dei produttori locali, contribuiscono alla creazione di un vino straordinario che conquista i palati di tutto il mondo.

Degustare un bicchiere di Roero Arneis, è immergersi in un viaggio sensoriale che esprime l’anima del territorio piemontese. La sua eleganza e freschezza lo rendono adatto ad ogni occasione, che si tratti di un aperitivo in terrazza, un pranzo conviviale o una cena raffinata. Il Roero Arneis è molto più di un semplice vino: è un’esperienza che abbraccia la storia, la cultura e l’arte del Piemonte.

Roero Arneis, origini e territorio

Questo vitigno affonda le sue radici nella suggestiva regione del Roero, situata nella parte nord-occidentale del Piemonte. Quest’area collinare, caratterizzata da un clima temperato e da un suolo ricco di marna, offre un habitat ideale per la coltivazione dell’Arneis. Questo vitigno, a lungo sottovalutato, è stato riscoperto e rivalutato nel corso degli ultimi decenni, guadagnando il giusto riconoscimento che merita.

Caratteristiche del vino

Il vino si presenta con un colore giallo paglierino brillante, con riflessi verdognoli che lo rendono ancora più affascinante. L’aroma intenso di fiori bianchi e di delicati fiori di campo si sprigiona dal calice, accompagnato da note fruttate di mela verde, pesca e agrumi. In bocca, il vino si rivela fresco e armonico con un’acidità piacevole che gli conferisce una vivacità unica. Il suo sapore fruttato lascia una piacevole persistenza, culminando in un finale pulito e leggermente ammandorlato.

Abbinamenti gastronomici

Grazie alla sua versatilità, il Roero Arneis si sposa magnificamente con una vasta gamma di piatti. La sua freschezza e acidità lo rendono un compagno ideale per antipasti leggeri a base di pesce, crostacei, formaggi freschi e verdure.  Tuttavia, è anche un nettare che può essere apprezzato da solo, godendone l’unicità e la complessità.

Prova questi!

Ecco i consigli per scoprire il Roero Arneis in tre interessanti calici.

  • Roero Arneis Docg Valfaccenda 2022

L’anima artigianale di questo vino è quasi palpabile. Rappresenta fedelmente il territorio, offrendo un’espressione diretta e sincera delle uve con il minimo intervento in cantina. L’obiettivo è valorizzare al massimo le caratteristiche varietali di una materia prima di altissima qualità. Questa etichetta privilegia la raffinatezza e l’eleganza, mettendo in primo piano gli aromi fruttati e la mineralità dei suoli del Roero.

Il vino si presenta con un colore giallo intenso che cattura lo sguardo. Il bouquet regala un’esplosione di profumi, con ricche note di frutta gialla matura, accenni tropicali e delicate sfumature di frutta secca. Ogni sorso offre un’esperienza appagante, con una consistenza densa e avvolgente. La vivace freschezza conferisce al vino una bella energia e la chiusura sapida lascia un’impronta persistente e invitante.

  • Roero Arneis Docg Bajaj 2021

Il Roero Arneis della cantina Bajaj, a conduzione familiare, si distingue per il suo profilo aromatico fruttato e minerale. La filosofia di lavorazione mira a eliminare pratiche enologiche invasive e non necessarie, come l’aggiunta di additivi impattanti. Bajaj lavora con le uve, i mosti e i vini in modo semplice, permettendo così al territorio di emergere nelle sue uniche sfumature.

Il calice si presenta in un giallo paglierino con delicati riflessi verdolini. Al naso, si avvertono profumi di frutta a polpa gialla e fiori bianchi, arricchiti da sfumature minerali ed erbe aromatiche. Il sorso è intenso ed equilibrato, caratterizzato da una piacevole morbidezza e una vivace freschezza; la chiusura è persistente e leggermente erbacea. Questo vino bianco si distingue per la sua straordinaria versatilità a tavola, in grado di accompagnare con successo piatti sia di carne che di pesce.

  • Roero Arneis Docg Vietti 2020

La cantina Vietti è una storia di quattro generazioni di vignaioli, che ebbe inizio quando Carlo Vietti fondò l’azienda alla fine del XIX secolo nel comune di Castiglione Falletto, nel cuore delle Langhe. Nel primo Novecento, suo figlio Mario iniziò a commercializzare i Barolo prodotti, focalizzando l’azienda esclusivamente sull’attività vitivinicola di famiglia. Già da molto tempo, (per fortuna!) Vietti ha avuto una visione innovativa nel valorizzare l’arneis.

Questa bottiglia, alla vista, si presenta con un colore giallo paglierino. Al naso, si percepiscono fresche note floreali, aromi fruttati di agrumi e melone, accompagnati da toni leggermente ammandorlati. In bocca, il vino si distingue per il suo corpo e una piacevole acidità che lo bilancia perfettamente. L’equilibrio e l’eleganza, segno distintivo della cantina,  si rivelano nel lungo finale persistente. Ottimo in abbinamento con il polpo alla griglia.

Potrebbero interessarti anche questi argomenti.

 

Leave a Reply

quattro × cinque =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it