Skip to main content

Un omaggio all’estate italiana con la possibilità di gustare nel polo museale all’aperto del Mart prelibatezze estive

Pic Mart è la nuova idea fresca e genuina per l’estate 2020 dello chef Alfio Ghezzi che, all’interno del Mart ha deciso di inaugurare uno spazio dove la buona cucina incontra la semplicità e la tradizione. Così sono nati il Pic Nic Mart e il Grill Nic, due proposte che si sposano perfettamente con le richieste delle famiglie post lock down

Pic Mart è la novità proposta dalla mente brillante dello chef trentino Alfio Ghezzi, che per questa estate così bollente e difficile, ha deciso di riorganizzare la sua proposta ristorativa inserendo una nuova idea di cucina, decisamente più informale ma che al contempo soddisfa la voglia di ri-cominciare degli italiani in seguito al lungo e sofferto periodo di quarantena. E lo fa con il più classico dei classici che da sempre rende al massimo l’idea di famiglia, genuinità e soprattutto l’idea di estate, ovvero il picnic. Come ha detto lui stesso, il Pic Mart è un vero e proprio omaggio all’estate italiana e offre alle persone la possibilità di gustare nello splendido polo museale all’aperto del Mart delle prelibatezze della cucina semplice ma senza rinunciare alla qualità e alla ricercatezza degli ingredienti.

PicMart: come nasce l’idea di questo nuovo progetto ristorativo?

“Come la maggior parte delle idee, anche questa è nata in un momento di difficoltà quando le situazioni complesse costringono a osare a pensare delle cose che non erano nei nostri progetti. Il  lock down con tutte le norme imposte dal protocollo Covid ci ha spinto a riflettere su nuove proposte più informali,  legate al calore familiare.  E’ nata così una sezione di nuove proposte che abbiamo chiamato Oltre Ristorante composto da: Pic Mart che si declina nel PicNic Mart e nel GrillNic;  Alfio Ghezzi a Casa Tua solo delivery ; Alfio fai da te dove cuciniamo  a casa degli ospiti ; Alfio Ghezzi Sartoriale dove creiamo degli eventi modellati sulle richieste degli ospiti.”

Quali sono i cibi  protagonisti di questo vero e proprio picnic all’aperto?

 “Il PicNic Mart è un omaggio all’italianità e all’estate. Nel caratteristico cestino ci sono diverse prelibatezze estive come la panzanella, l’insalata di riso, il vitello tonnato, la crostata di frutta,  la nostra focaccia,  un succo di mela e l’acqua minerale”.

Rispetto alle altre sue realtà ristorative PicMart cosa eredita e al contempo cosa ha di diverso rispetto a loro?

“Partiamo sempre dal concetto che la cucina, indipendentemente dalle sue declinazioni, è buona o cattiva. La cucina buona è quella che fa viaggiare meno gli ingredienti, che li trasforma rispettandoli, che si concentra sul gusto e sulle cotture; la cucina cattiva è quella che omologa, che non si interessa del territorio e delle tradizioni:  in poche parole quella  superficiale. Per questo anche nell’organizzazione del PicNic Mart ho posto molta cura sulla scelta degli ingredienti, sul rispetto della tradizione e della stagionalità dei prodotti.  Ciò significa sicuramente lavorare seguendo un pensiero di cucina nuovo che permette ai clienti di mangiare vivendo una vera e propria esperienza”.

Un altro elemento in più è dato dal GrillNic, di cosa si tratta?

 “Il GrillNic è un’evoluzione del PicNic che prende qualcosa sia dal classico picnic sia dal barbecue. Così in collaborazione con la Rizzoli Cucine a legna, abbiamo sviluppato una piccola graticola che diamo agli ospiti. Poi nel cesto inseriamo tre spiedini, uno di carne, uno di verdura ed uno di formaggio ed una generosa insalata mista coltivata da Myrtha Zieroc dell’Agricola Foradori e lasciamo che gli ospiti vivano un momento all’aperto”.

Pensa di mantenere questo format dopo l’estate oppure si tratta di un’iniziativa provvisoria?

“Sarà un’offerta che manterremo anche in futuro, chiaramente il PicNic ha bisogno del sole e della bella stagione quindi verrà sospeso in inverno, ma è già capitato che degli ospiti ce lo richiedano anche nei periodi freddi: invece di andare nel parco delle sculture del Mart se lo portano a casa e lo consumano nel loro giardino”.

Il PicMart è stato inaugurato  all’interno del polo museale del Mart nel pieno della Fase 2. Ad oggi i clienti come hanno accolto la novità?

“La novità piace molto, perché è semplice dinamica e sana. In effetti il nostro messaggio è proprio mangia sano, stai bene e divertiti!”

Lei e la sua brigata come state affrontando questo periodo? Quanto ha influito la pandemia sul vostro lavoro?  

“La pandemia ha radicalmente modificato gli atteggiamenti, le relazioni ed è evidente che questo ha influito negativamente sulla società. La ripresa è complessa, soprattutto per uno come me che ha appena aperto un ristorante e fatto molti investimenti. Ma nonostante questo momento di difficoltà ho scoperto di avere al mio fianco un gruppo di lavoro straordinario che mi supporta con la responsabilità di chi si sente parte di un progetto. Grazie a loro riesco ad affrontare questo momento  così impegnativo.  Non ho dubbi nell’affermare che se riusciremo a superare indenni questa crisi  sarà solo merito di quello che mi stanno dando i ragazzi, vale a dire  impegno incondizionato per mantenere “in vita” il ristorante”.

Ha qualche paura per il futuro?

“La paura è qualcosa che ha a che fare con l’umiltà e la consapevolezza di avere dei limiti, ma anche con la certezza che troppo spesso non ne abbiamo tenuto conto. Per questo motivo guardo al futuro con la serenità di chi ha sviluppato una visione semplice del proprio lavoro e del vivere che mi permette di affrontare il  domani guardando alle cose senza il filtro delle nostre urgenze o del proprio senso di importanza”.

Leave a Reply

5 + 13 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]