Skip to main content

Dal 3 al 4 marzo, Oslo ha ospitato la quinta edizione della manifestazione dedicata alle donne, all’alimentazione e ad un nuovo approccio al cibo

Si è conclusa lunedì 4 marzo, la quinta edizione del Parabere Forum a Oslo, Norvegia. Il forum deve il suo nome alla Marchesa di Parabere, pseudonimo di María Mestayer de Echagüe, autrice appassionata di enogastronomia e storia e prima codificatrice della cucina spagnola. 

Due giorni per ribadire che è necessario dare potere alle donne nel mondo della gastronomia. L’evento annuale è stato organizzato da Maria Canabal presidente e cofondatrice dell’omonima associazione no profit, con l’obiettivo di parlare di alimentazione e di un nuovo approccio al cibo anche attraverso storie dal forte impatto sociale. Storie di vita di cuoche e contadine, sommelier e allevatrici, pasticcere e ristoratrici che diventano territorio condiviso di discussione e crescita.

Quattrocento donne provenienti da tutto il pianeta, riunite nel National Theatre, per cambiare tutte insieme il mondo del cibo. Ogni anno vi è un tema diverso, il motto di quest’anno è #empoweringwomen, ispirato dall’auspicio e dall’iniziativa delle Nazioni Unite #Planet5050 da realizzare nel 2030. Come ogni anno al Parabere Forum non si incontrano solo chef donne provenienti dai cinque continenti ma si confrontano, attraverso dibattiti e speech, anche opinion leader, studiosi, agricoltori ed esperti per trovare la “ricetta” giusta che coniughi equità, uguaglianza, progresso sociale e sostenibilità ambientale. Changing the game: un impegno collettivo con la voglia di cambiare le regole del gioco. Alice Waters, cuoca, saggista e ispiratrice degli orti urbani e delle campagne di sensibilizzazione per una corretta educazione alimentare di Michelle Obama, è stata premiata vincitrice della prima edizione del premio Parabere Care Award.

Maria Canabal non si è fermata davanti a nulla pur di realizzare il suo sogno. Nel 2015 è stata insignita del premio come “Donna più influente nel mondo della gastronomia”. Perché essere una mamma, moglie, casalinga non  esclude il fatto che possa ricoprire ruoli autorevoli anche nel lavoro.

Leave a Reply

15 − nove =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it