Skip to main content

Sul Lago di Garda arriva un pugliese che ne racconta le sue dolci acque. Farà sognare di nuovo la Michelin?

Un intreccio di tre comuni (Costermano, Torri e San Zeno di Montagna) che culminano su una collina che guarda su quello specchio azzurro che è il Lago di Garda. Alle spalle il Monte Baldo innevato e come contorno l’alterna Rocca dei frati camaldolesi, il golfo di Salò con l’Isola del Garda e la volata di qualche aquila solitaria.

Dopo l’esperienza dello chef Paolo Cappuccio, è la volta di Michele Iaconeta, che porta la sua Puglia in una cucina che racconta la varietà e la bellezza del Lago di Garda. Da Mattinata sul Gargano passando alle cucine del prestigioso Hotel Adler di Ortisei, al Ristorante Vescovado a Noli (1 Stella Michelin), con una tappa estera all’hotel Northcode nel Lancashire (1 Stella Michelin), al ristorante Azurmendi a Bilbao (3 Stelle Michelin) è tornato poi in Italia, al St Humbertus (2 Stelle Michelin).

Pochi ingredienti protagonisti, che raccontano una sintesi culinaria tra Veneto e Puglia, alla ricerca della stella Michelin che per anni ha premiato questo ristorante dalla vista spettacolare. Tagli alternativi di carni e pesci poveri, erbe spontanee e aromatiche. E quest’antica residenza di fine Settecento di cui Federico Chignola e Sara Squarzoni si sono perdutamente innamorati, racconta un intreccio di storie e vite passate, di spiriti del territorio lacustre.

Al ristorante gourmet “La Veranda” i nuovi signature dello chef tra gli antipasti sono: “Il carosello degli spiriti” con gazpacho di pomodoro, uova di quaglia pochè e tartufo nero, finto tartufo al caprino, lollipop fritto di verdure, tacos di manzetta garronese e tartare ai semi di sesamo o ancora il Rochè di animelle di Garronese con Peverada (una salsa veneta di origine antica) e cipollotto brasato. Tra i primi gli Gnocchi di borragine su Garum di pesci di lago e carbone di cipolla e gli Spaghetti “selezione di grano duro Mancini” con Ricci di Mare, aglio nero e anemoni. Tra i secondi imperdibili il Caviale, Rapa rossa e Capra o la Trota con carciofi croccanti, erbette del Baldo e amaranto.

I menu degustazione sono divisi in “Un territorio da scoprire” e “Sogno Mediterraneo” da 7 portate o “Festival del mare” da 6 portate, tutti rimodulabili con la scelta di 2 o 3 piatti. E se si preferisce un’offerta più “smart casual” il bistrot La Terrazza è perfetta per un pranzo di ritorno da una passeggiata o da un giro in bici con menu di terra, di mare e di lago, ma anche con una bella scelta tra le primizie del pescato, i grandi classici e la pasta tipica.

Sarà questa la formula per attirare l’attenzione della Rossa? Le carte ci sono tutte.



Leave a Reply

18 − 16 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it