Skip to main content

B.E.V.I.: la prima serie televisiva che racconta l’arte della vinificazione

La nuova serie, visibile su Sky Arte, è un inno a superare questo momento storico. A consacrare un legame che è rimasto nell’aria fino ad oggi, quello tra Arte e Vino; perché il vino è, in tutte le sue forme, un’espressione artistica.

Passionale e concreta, questa produzione accompagna chi la guarda attraverso un viaggio non solo nel caleidoscopico mondo del vino, ma anche dentro sé stessi. Non è una serie che “parla di vino”, bensì ne racconta i valori cardinali, il sangue e il sudore di chi ci permette di poter assaporare del buon vino in tavola. Ogni produttore non parla del proprio vino, ma della propria filosofia. Di biodiversità, di terroir, di produttori decennali che ancora si emozionano parlando del loro territorio, di vino come forma d’arte.

In fondo, come dice Chiara Lungarotti, produttrice di vino presente nella serie, “la terra non si ha, è un prestito che abbiamo da chi ci ha preceduto e che passiamo a chi ci segue”.

Con B.E.V.I. un viaggio di scoperta tra Creatività, Architettura e Design

C’è un rapporto profondo tra arte e vino in Italia. Oggi, le cantine stesse, sono diventate le nuove cattedrali. Così si celebra, appunto arte, creatività e anche buona economia. Infatti, ogni episodio è un condensato di cultura, ma è anche l’affermazione di un modello d’impresa

È questo lo scrigno dei tesori proposto da B.E.V.I. (Bacche, Enologi e Vinattieri d’Italia) – L’Arte del Vinificare -, la serie televisiva in dieci episodi che Sky Arte ha inserito nella fascia più ambita, ma anche più impegnativa, del suo palinsesto preserale. Un viaggio di scoperta, da nord a sud dell’Italia che, allo scoccare delle 20.45, a partire dal 26 maggio, per dieci mercoledì consecutivi, coinvolgerà l’eccellenza del vino italiano, in territori mozzafiato di un’Italia agricola sino al midollo, eppure innovativa, aperta ad una contemporaneità che non può far a meno della bellezza e delle sue emozioni. Il vino stesso è, per molti produttori, una creazione, un’opera personalissima, frutto della propria sensibilità e della propria cultura di riferimento.

I protagonisti

La produzione, firmata Artlouder, ha dato voce ai grandi artisti, ma anche a quelli emergenti. Si varia dai grandi luoghi d’arte a quelli più insoliti e meno conosciuti, ma non per questo meno affascinanti. Attraverso la serie TV, viene raccontata l’Italia da un nuovo punto di vista: l’eccellenza vitivinicola. Un’eccellenza fatta di tradizioni, innovazione, architetture contemporanee e maestri di un’arte apprezzata in tutto il mondo.

Le aziende vitivinicole della prima stagione, in ordine di apparizione, saranno: Ca’ del Bosco, famiglia CerettoMasottinaDonnafugataFirriatoFeudi di San GregorioAlois LagederCantina TraminMandrolisaifamiglia RubinoProduttori di Manduria, Castello di Montepò, Cantina Fonterutoli e la famiglia Lungarotti.

Il progetto è sostenuto anche da Unicredit e Winelivery.

Perché guardare la serie

Se non si fosse già capito, questa nuova serie TV è consigliatissima da guardare. Ideata davanti ad una bottiglia di vino da Chiara Panzieri e Federico Di Giambattista, sembra essere la risposta ad una richiesta che esiste da anni. Attraverso essa si percepisce la volontà di valorizzare il patrimonio culturale italiano, senza farne un esercizio stilistico. È, di fatto, un contenitore di produzioni italiane di altissimo livello; un viaggio emozionale e culturale all’interno del patrimonio italiano.

Se vuoi vederne un’anteprima, qui trovi il teaser.

Leave a Reply

sedici − sette =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]