Skip to main content

Un tour per le terrazze più belle della Città Eterna

Tutto ciò che c’è di magico nella vita arriva con le belle stagioni. Voglia di aria fresca, di uscire, di incontrare amici, di sorseggiare un drink e degustare cibo gourmet preparato dai migliori Chef.

Baciati dal sole o guardando tramonti spettacolari sulla Città, panorami mozzafiato ci aspettano insieme a Chef e barman che durante la primavera hanno immaginato, creato e organizzato nuove delizie tra piatti e cocktail che ci faranno dimenticare un anno di chiusura.

Quali sono i posti che più ci daranno emozione, quelli che ci faranno sentire la melodia della vacanza in Città o ci faranno immaginare in un luogo lontano, al di sopra di tutto, in alto, per lasciare i problemi della pandemia sotto i nostri piedi.

Vi vogliamo guidare verso questi luoghi magici in una mini guida sicura perché è un momento in cui il nostro benessere psicofisico deve essere garantito.

Aroma – Giuseppe Di Iorio

Palazzo Manfredi

Esistono pochi ristoranti di lusso a vantare una vista come quella di Aroma ristorante 1 stella Michelin, sulla terrazza di Palazzo Manfredi. Il ristorante ha un panorama che lascia senza fiato e una vista sul Colosseo che sembra quasi di poterlo toccare con un dito.

L’accoglienza dello chef Giuseppe Di Iorio non ha paragoni perché riesce a farti sentire subito a casa e ti delizia con il gusto vero dei suoi piatti creativi e pieni di storia allo stesso tempo.

Un luogo in cui vivere un’atmosfera da sogno, gusti nuovi che ricordano qualcosa del passato perché lo chef ha fortissime basi della cucina tradizionale, un esperto che può permettersi le interpretazioni più moderne ed innovative che desidera. Proprio come la triglia ripiena al caprino con vellutata di piselli e spuma di cipolle caramellate oppure il Risotto di rapa rossa e gorgonzola con gel di zenzero e caviale balsamico.

Stagionalità, territorio e sapori veri. Poche provocazioni, solo la voglia di far sentire sapori autentici. Come dice lo chef, per distinguerti devi regalare un’esperienza: sostanza, gusto e tradizione.

Terrazza Posh – Niko Sinisgalli

Anantara Palazzo Naiadi

Possiamo perderci con lo sguardo nell’acqua della piscina e nell’infinità del cielo, sorseggiare un cocktail all’interno dell’acqua ed ascoltare la dolce musica rilassante ed ancora, uscire dall’acqua e degustare a qualsiasi ora un gambero rosso in kataifi, icona dello Chef, o un cartoccio di calamari o un carpaccio di dentice pescato al mattino dai pescatori di Campagna Amica che ogni giorno portano il pescato allo Chef Niko Sinisgalli, Ambasciatore della cultura enogastronomica della Basilicata e di Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

Aperto tutto il giorno dalle 10 del mattino il Posh offre pranzo di pesce o piatti da snack come hamburger e insalate o lo speciale panzerotto fritto dello Chef e speciali cocktail e pasticceria con caffè o bevande a base di frutta e verdura liberi da pesticidi.

Immancabile sarà il signature dish dello chef, il Don Mario, una pasta fresca accompagnata da un sugo semplice e speciale al pomodoro dalla ricetta segreta, che si prepara per arrivare in tutto il mondo sulle tavole in formato famiglia e su quelle dei ristoranti.

Villa Spalletti Trivelli

Grazie alla intelligente sensibilità della Contessa Rasponi, Villa Spalletti Trivelli è diventata in passato un cenacolo politico e culturale che oggi fa parte del circuito Condé Nast Johansens: ogni giovedì pomeriggio i saloni della villa erano frequentati da personaggi di spicco dell’epoca tra cui Romualdo Bonfaldini, Sidney Sonnino e Rabrindanath Tagore, premio Nobel per la letteratura nel 1913. Nel 1887 Villa Spalletti fu sede delle “grandi manovre dell’esercito italiano”. In quell’occasione furono ospitati il Re Umberto I di Savoia e la Regina Margherita. Oggi la splendida terrazza e il giardino interno sono perfetti per un aperitivo o per qualche evento riservato, a due passi dalle Scuderie del Quirinale.

Eitch Borromini

Da questa terrazza avrete la sensazione di far parte di una pagina dell’arte barocca, nel vivo della grandezza della famiglia Pamphilj e dell’attività di Bernini e Borromini. L’affaccio del palazzo progettato dal Borromini si spalanca su Piazza Navona, e uno dei quattro fiumi della Fontana berniniana sembra proprio guardare alle finestre della dimora storica.

La struttura si trova all’interno del Collegio Innocenziano, un ramo di Palazzo Pamphilj, sorto a metà del Seicento su progetto di Francesco Borromini, genio dell’architettura barocca incaricato da Papa Innocenzo X. Contemporaneamente alla costruzione del Collegio Innocenziano, che aveva lo scopo di offrire ai giovani dei feudi Pamphilj una formazione sacerdotale, venivano realizzati una cappella privata, la chiesa di
Sant’Agnese in Agone, l’ingrandimento del palazzo di famiglia e il rinnovamento scenografico di Piazza Navona rendendola la cosiddetta “Isola dei Pamphilj”, grandiosa testimonianza dell’architettura barocca e della potenza della famiglia.

Dal ristorante della Terrazza Borromini, da cui prende il nome, si gode la vista su Piazza Navona, in un’atmosfera d’altri tempi.

Zuma – Dario Schiavo

Zuma è una delle terrazze in centro più piacevoli, non solo per la bella vista, quanto per lo stile degli arredi in bambù e ceramiche Tohiki. Zuma si trova all’apice di Palazzo Fendi ed è suddiviso in due piani, la terrazza all’aperto con musica e il ristorante. Per salire si utilizza l’ascensore chiamato dal receptionist in uniforme al piano terra.

Il menu dello chef Dario Schiavo è giapponese contemporaneo izakaja termine giapponese usato per descrivere un locale dove ritrovarsi dopo il lavoro e trascorrere delle ore in compagnia con gli amici con piatti giapponese che si allontanano dalla tradizione come ad esempio il merluzzo nero marinato al miso avvolto in foglia hoba, manzo scottato con soia zenzero e lime oppure anguilla d’acqua fresca con avocado ed omelette dolce. I piatti della cucina contemporanea sono creati per essere condivisi fra tutti i commensali e vengono serviti in modo continuo, rivoluzionando il rituale tradizionale del pranzo o della cena.

LaPergola – Heinz Beck

Hilton Cavalieri Hotel

È senza dubbio una delle terrazze più lussuose della Capitale, un’eccellenza italiana oltre che romana. Il panorama si apre dall’alto sulla Città eterna e lo sguardo si perde sulla maestosità dei monumenti.

Lo Chef Heinz Beck vanta a La Pergola le 3 stelle Michelin, un riconoscimento che garantisce la riuscita di una cena nelle sue mani.

I suoi piatti sono ricchi di profumi e di sapori della natura, in misurato equilibrio, sono la base di una cucina fatta di leggerezza allo stato puro. Coerenza con i propri principi, attenzione alla modernità, genio innovativo. Nel nuovo menu ci sono deliziosi piatti come crostacei con carciofi e tartufo nero oppure rombo con vieta e asparagi.

Esposizioni – Alessandro Circiello

Museo Esposizioni

Un’esperienza insolita riservata a chi ha la fortuna di conoscere questo magico posto. Si tratta del ristorante all’interno del Museo Palazzo Esposizioni di Roma, in pieno centro. Il ristorante é collocato al secondo piano del Palazzo e la cucina del noto Chef televisivo Alessandro Circiello vi delizierà con piatti della cucina mediterranea innovativa e con prodotti di stagione.

Il percorso culinario è costruito su idee basate su intensità esplicite, sapori stimolanti, consistenze confortanti proposte in un luogo dove la ricerca gastronomica, unita ad un’accoglienza informale, coinvolgono tutti i sensi per un’esperienza unica e speciale sotto le stelle.

Leave a Reply

13 + 20 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]