Skip to main content

Masseto 2018, raffinata eleganza e profonda intensità

La raffinata eleganza e la profonda intensità olfattiva è il tratto distintivo di questo vino che dopo anni di affinamento ha conquistato un’anima setosa.

L’uomo, il suolo e la vigna. Sono questi i tre elementi determinanti per la riuscita di questo vino che si è imposto tra i più apprezzati in Italia e nel mondo. Masseto nasce dall’intuizione di scommettere su una terra difficile intravedendo in essa grandi potenzialità: “un luogo incontaminato, aspro e primitivo, per niente facile da lavorare.

Le condizioni sono estreme, eppure questo vigneto non manca mai di stupirci. Davvero un luogo magico in cui è la natura a prendere le decisioni più importanti”. Così lo descrive Axel Heinz, Direttore di tenuta. L’idea è quella di interpretare lo spirito della natura per poi lasciarlo esprimere senza limiti, perché tutto ruota intorno a un vigneto straordinario e allo stesso tempo molto impegnativo.

Le mani esperte di chi ama ogni singola pianta e ne conosce l’anima in profondità permettono di ottenere un vino senza alcuna forzatura, accompagnato con un’azione il più possibile limitata in cantina per ottenerne l’espressione massima del terroir in cui nasce.

Masseto 2018 è un vino che rispecchia perfettamente terroir e annata. Dopo la stagione siccitosa del 2017, l’inverno 2018 sembrava indicare un ritorno alla normalità, ma una primavera tra le più piovose nella storia di Masseto, con temperature più alte della media, ha portato a una rapida crescita vegetativa con il rischio concreto di insorgenza di malattie. Soltanto il tempismo della squadra ha permesso di tenere saldo il controllo delle viti attraverso il diradamento dei tralci e il corretto posizionamento dell’apparato fogliare.

Grazie al sapiente gioco tra ombra e luce ottenuto, foglie e uve si sono mantenute sane. La vendemmia 2018 è stata la prima a trovare interamente dimora nella nuova cantina scavata in profondità nell’argilla blu su cui sorge il vigneto, tra pareti che rappresentano un tributo fisico e simbolico alla storia della tenuta e all’intuizione di chi in questa terra ha creduto. Il doppio tavolo di cernita ha permesso la selezione dei soli acini perfetti. La fermentazione è avvenuta in vasche di cemento, la fermentazione malolattica è iniziata in barrique di rovere nuove con i lotti separati per i primi 12 mesi per poi essere assemblati e lasciati riposare ancora in legno per un altro anno.

Masseto 2018 stupisce per una salinità infinita che inebria lungo tutto un sorso. Allo stesso modo, non vi è segno d’eccesso nell’espressione di un equilibrio perfetto, tra pienezza e armonia che raccontano la profonda appartenenza a un terroir dall’identità inconfondibile. Una sinfonia di note aromatiche, tinteggiate da piccoli frutti di bosco intessuti in una trama raffinata. “ciliegie perfettamente mature, prugne e rovere nuovo speziato. Il palato è ampio e ricco ma mostra una struttura raffinata e setosa figlia dell’annata 2018”. Lo descrive così Axel Heinz, definendolo “una versione particolarmente elegante che combina ricchezza e finezza”.

Masseto è il nome di una realtà unica: un vino, un vigneto, una tenuta. Il potenziale del pendio dove sorge l’omonima vigna Masseto, sulla costa toscana, è stato intuito all’inizio degli anni ’80, quando, a dispetto di ogni pronostico, consiglio e tradizione locale, vennero piantate le prime viti. L’intuizione è stata ripagata. L’argilla blu, le fresche brezze costiere e l’ottima rifrazione della luce garantita dal Mar Mediterraneo contribuiscono all’intrigante mix di potenza, eleganza e complessità che contraddistingue il vino della tenuta.

Il Masseto è stato acclamato a livello internazionale fin dalla sua nascita nel 1986. Masseto, dalla vendemmia 2017, è accompagnato dal secondo vino Massetino. Entrambi nascono sulla collina di Masseto in 11 ettari fittamente vitati, entrambi si trasformano da preziosi chicchi d’uva in desiderate bottiglie di vino nella cantina della tenuta progettata dallo studio Zito Mori e inaugurata in Aprile 2019. Da qui i due vini partono verso il mondo, ogni autunno, tramite la Place de Bordeaux. Il team dell’azienda è composto da cinque appassionati professionisti: Axel Heinz, Estate Director, Gaia Cinnirella enologa, Vianney Gravereaux, Sales & Marketing Director, Susanne Weber e Elena Oprea rispettivamente Brand Manager e Communication Manager. La tenuta Masseto fa parte del gruppo controllato dalla famiglia Frescobaldi.

Leave a Reply

quattro × quattro =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]

So Wine So Food

GRATIS
VISUALIZZA