Skip to main content

Il rito del Cetriolo di Natale conquista l’aperitivo italiano: dagli esperti ecco cocktail e ricette per stupire gli invitati con un fresco “Christmas Cucumber”

Quest’anno, il tradizionale aperitivo natalizio si rivelerà più sorprendente del solito. Gli esperti suggeriscono che l’elemento principale sarà il cetriolo, che non solo fa parte di una tradizione europea divenuta popolare negli Stati Uniti, ma è anche al centro di un fenomeno sociale: il “Cetriolo di Natale”.

Quest’anno, secondo gli specialisti di Hendrick’s Gin e Torre della Fondazione Prada, l’indiscusso protagonista sarà unico, presente sia sull’albero che sulla tavola, persino nei piatti e nei bicchieri: stiamo parlando del “cetriolo di Natale”. Si tratta di una singolare e distintiva antica usanza, nota a livello globale come “Christmas Pickle”, che collega Europa e Stati Uniti, trovando le sue radici nelle origini tedesche e diventando estremamente popolare oltreoceano negli ultimi anni.

Il cetriolo di Natale è al centro della stampa internazionale tanto che il New York Times ne ha raccontato la storia: dal 1909, il fortunato che per primo trova il cetriolino nascosto tra i rami dell’albero addobbato ha diritto a un anno di successi e a un regalo in più.

Al contempo, la Old World Christmas, azienda che produce ornamenti in vetro, ha rivelato che da 40 anni il Christmas Pickle risulta essere l’addobbo di Natale più venduto, con 25mila pezzi ogni anno.

Come spesso accade, il folclore si è poi trasformato in trend, che dall’albero di Natale si è trasferito in cucina. Se l’attrice Kristen Bell ha condiviso a Good Morning America la ricetta natalizia della sua famiglia per preparare una zuppa di cetrioli, i social lo fanno diventare un trend: il “Cetriolo di Natale”, che arriva a contare oltre 16mila post su Instagram.

Da semplice ornamento a protagonista delle tavolate, il cetriolo finisce così per conquistare anche l’aperitivo natalizio, il momento più conviviale delle festività: il “Christmas Cucumber”, firmato Hendrick’s Gin e Torre in Fondazione Prada, è infatti il nuovo e freschissimo aperitivo che sorprenderà amici e parenti. 

La rivoluzione del cetriolo parte dal bicchiere e arriva fino alla tavola. Dalla straordinaria freschezza dell’Hendrick’s Gin & Tonic, il classico cocktail amato dagli appassionati in tutto il mondo, alla ricercatezza del French 75, il drink per le feste che vogliono lasciare il segno.

Un abbinamento tanto insolito quanto sorprendente, la delicatezza dell’ostrica servita con cetriolo e olio al tagete, il profumo dello scampo marinato alla rosa e la deliziosa eleganza di una tartelletta con cetriolo, panna acida e caviale e l’avvolgente fragranza del pan brioche con tartare di vitello, maionese all’aneto e cetriolo. I protagonisti della “festa prima delle feste”, non potranno dunque che essere il gin – il distillato più bevuto dopo cena e il secondo tra gli aperitivi – e il cetriolo, il suo matrimonio perfetto.

Hendrick’s Gin nasce dall’insolita, quanto straordinaria, infusione di essenze di rosa e cetriolo, deliziosamente affiancata da niente meno che 11 botaniche provenienti dai quattro angoli del mondo. Questa singolare unione produce un gin rinfrescante dal delizioso aroma distintivo. Hendrick’s Gin viene infatti distillato in ben due tipi di alambicchi, il Bennett-Still e il Carter-Head.

L’armoniosa combinazione dei due crea un gin straordinariamente insolito, dal carattere deciso ed equilibrato. I cocktails di tendenza per il Natale 2023, come l’Hendrick’s Gin & Tonic, saranno caratterizzati dal cetriolo, rinfrescante e dal carattere eccentrico, perfetto dall’aperitivo al dopo cena”, commenta Solomiya, Brand Ambassador Italia Hendrick’s. In abbinamento ai cocktail d’eccezione, in questo Natale 2023, occorre un altrettanto ricercato aperitivo.

Ci ha pensato Lorenzo Lunghi, chef del ristorante Torre in Fondazione Prada, che ha realizzato 4 proposte insolite, per un pairing fresco e sorprendente: “L’idea è raccontare l’incredibile simbiosi di Hendrick’s Gin con il cetriolo attraverso la cucina. Quella che porto in tavola è una storia dove il protagonista assoluto è infatti il cetriolo, declinato in tutta la sua straordinaria versatilità a livello di texture.

Nel caso dell’ostrica, abbiamo impiegato il succo del cetriolo come centrifugato; lo scampo marinato alla rosa vede scendere in campo il secondo celebre profumo di Hendrick’s Gin, la rosa, ad abbracciare con coraggio il gusto più deciso del cetriolo vaporizzato per estrarne l’essenza; per la tartelletta, abbiamo impiegato il cetriolo in tutta la sua croccante purezza, condito semplicemente con olio, sale e pepe per essere abbinato alla cremosità della panna acida e la sapidità del caviale; nella quarta proposta abbiamo optato invece per l’inserimento del pickle, il cetriolo sottaceto di cui parla anche la tradizione. I cetrioli, oltretutto, sono alleati eccellenti per l’idratazione e contengono un sacco di vitamine e minerali. La parola chiave di questi piatti è dunque freschezza!”, commenta lo chef. 

Gli italiani sono anche dei grandissimi amanti dell’aperitivo, arrivando a spendere fino a 4,5 miliardi l’anno in happy hour. Un’abitudine ormai consolidata dunque, che merita una degna offerta anche durante le festività natalizie, quando le occasioni per festeggiare con amici, parenti e colleghi si moltiplicano.

A guidare il trend sono le celebrità. La testata Hola riporta infatti le ricette dei cocktail natalizi preferiti dalle star: dal tanto amato da Kate Moss French 75, fino all’amatissimo Gin and Dubonnet della compianta Regina Elisabetta,  Natale non è soltanto tradizione, ma anche nuove scoperte e sperimentazioni, soprattutto quando si parla di brindisi.

Ecco i cocktail per l’aperitivo natalizio perfetto secondo Solomiya di Hendrick’s: 

  • HENDRICK’S GIN & TONIC: il grande classico degli aperitivi e l’imperatore della freschezza, un’inappuntabile scelta per coloro che sono alla ricerca di un dissetante diversivo anche a Natale.

50ml HENDRICK’S GIN

150ml Acqua Tonica

3 Rondelle sottili di cetriolo

Aggiungere tutti gli ingredienti in un bicchiere highball riempito con ghiaccio a cubetti.

Mescolare delicatamente e servire. Guarnire con 3 rondelle sottili di cetriolo.

  • FRENCH 75: la perfetta unione tra gin, champagne e succo di limone in un cocktail semplice e raffinato, assolutamente delizioso!

30 ml HENDRICK’S GIN

10 ml Sciroppo di zucchero

10 ml Succo di limone

Completare con champagne

1 rondella sottile di cetriolo

Aggiungere gin, zucchero e limone in uno shaker. Aggiungere il ghiaccio, agitare bene e filtrare finemente in un flute. Completare con champagne e guarnire con una rondella di cetriolo.

Ecco infine le proposte dello chef Lorenzo Lunghi del ristorante Torre in Fondazione Prada:

Ostrica con cetriolo e olio al tagete

L’ostrica viene servita cruda, con un centrifugato di cetriolo e del cetriolo crudo con olio al tagete. Se non riuscite a reperire il tagete a casa va benissimo lasciare delle foglie di rosmarino infuse 2/3 giorni in olio.

Scampo marinato alla rosa

Lo scampo viene pulito e marinato nell’olio alla rosa, con qualche goccia di lime e zest, per circa 15/20 minuti. La testa viene tagliata a metà, pulita e passata sulla brace che farà da cucchiaio. Se a casa non avete la brace va benissimo passarla in padella. Una volta marinate le code di scampo, le tagliamo a cubetti e le appoggiamo sulla testa e decoriamo il tutto con fiori edibili, se riuscite anche qualche perla di limone caviale.

Tartelletta con cetriolo, panna acida e caviale

Se volete rifare a casa la tartelletta potete acquistare al supermercato della pasta sfoglia o fillo, da cuocere al forno. Il cetriolo viene tagliato fine e lo sovrapponiamo formando una spirale. Lo condiamo poi semplicemente con olio, sale e pepe serviamo il tutto con panna acida e caviale.

Pan brioche con tartare di vitello, maionese all’aneto e cetriolo pickle 

Si tratta di un semplice pane tostato dorato, servito con tartare di vitello, maionese all’aneto e cetriolo pickles. Gli aromi che utilizziamo sono senape e un profumo di aneto. Se volete rifare la maionese a casa mixate in un frullatore a bicchiere dell’aneto fresco con dell’olio e lasciamolo maturare 3-4 giorni. Al posto dell’olio extra vergine utilizziamo poi quest’olio per creare una maionese freschissima, con cui andremo a condire la tartare. Guarnire il tutto con dei cetrioli pickle.

Potrebbe interessarti anche questo articolo.

Leave a Reply

dieci − sette =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it