Skip to main content

Per la Rossa del Sud America non c’è un ristorante che valga il viaggio. I locali premiati sono stati solo 18: la novità è la stella del ristorante Cipriani che con la sua cucina ha confermato l’eccellenza italiana anche oltreoceano.

E’ uscita la Guida Michelin 2019 di San Paolo e Rio de Janeiro, le due città principali del Brasile, ma purtroppo in questa edizione ci sono state poche novità e tante delusioni. Infatti, quest’anno la Guida Michelin brasiliana non porta nessuna nuova terza stella, ma riconferma solo quelle già assegnate lo scorso anno. Delusione? Un po’. L’alta ristorazione brasiliana non ha avuto nemmeno un tristellato; infatti il 2019 porta con sé solo riconferme.

I ristoranti in vetta alla classifica sono tre, ognuno con due stelle: Oro a Rio de Janeiro, mentre a San Paolo ci sono  il D.O.M. di Alex Atala e Tuju.  In totale i locali premiati sono stati solo 18,  compresi  in entrambe le città. A dare una sferzata di novità ci pensano le nuove stelle di Evvai di Luiz Felipe Souza a San Paolo, mentre per Rio ci sono Oteque e Cipriani.  Ma è proprio  fra le nuove stelle che c’è l’eccellenza della cucina italiana. Infatti, a essere premiata è la cucina di Nello Cassese, chef del ristorante Cipriani all’interno dello storico Hotel Belmond Copacabana Palace, in attività dal 1923. Già dal nome è facile capire che il ristorante Cipriani si affaccia su una delle spiagge più famose al mondo, ossia quella di Copacabana. Ed è proprio in questa location unica che lo chef campano Nello Cassese, con la sua cucina così raffinata e ricercata ha portato alla gloria il made in Italy. Lo chef guida la brigata del Cipriani già da diverso tempo ed è molto apprezzato per le sue grandi doti in particolare per come riesce a valorizzare i prodotti italiani e allo stesso tempo dare spazio anche ai sapori del territorio carioca. Fra piatti gourmet e continua ricerca, al ristorante Cipriani i clienti hanno la possibilità di fare una vera e propria cena a tu per tu con lo chef al riservatissimo “chef’s table” che viene allestito direttamente nella cucina.

Questo grande successo di Cassese è frutto della sua lunga gavetta: prima in Italia alla Taverna Estia, poi a Londra da Gordon Ramsay. Di esperienze ne ha fatte e proprio la sua grande versatilità, pur rimanendo fedele alla tradizione italiana che ha conquistato gli ispettori della Guida Michelin. In Brasile la cucina italiana sta riscuotendo grande successo e a confermarlo sono le tante insegne italiane che nel corso di questi anni hanno aperto. Un esempio è la catena di gelaterie Bacio di Latte avviata dai fratelli Tonolli nel 2011 a San Paolo oppure la cucina di Paolo Lavezzini che al Four Season di San Paolo è molto apprezzata. Da segnalare è anche  Pici Trattoria,  la trattoria italiana che dal 2016 attira clienti suI barrio più famoso di Rio, Ipanema, e che quest’anno è entrata nella categoria BiB Gourmand come le tavole informali.



Leave a Reply

due × quattro =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]