Skip to main content
MagazineSo Food

Enzo Coccia apre finalmente a Roma

By Marzo 1, 2024No Comments

Vico. Il nuovo place to be della Capitale. Dalla mente e dal cuore di Enzo Coccia, la pizza e la sua identità incanta Roma

Enzo Coccia, semplicemente, un mondo dove ritrovare bellezza e buon gusto. Un luogo che non ti aspetti, una pizza che amerai. Entri e l’accoglienza verace napoletana ti apre le braccia. Il grande forno è sempre lì a vegliare sulla qualità e sui gesti dei maestri pizzaioli. Ma sopra tutti è lui, è Enzo Coccia che firma e garantisce l’eccellenza che sfila sui tavoli di Vico. 

Vico nasce dalla collaborazione della famiglia De Angelis, titolare di una rinomata catena di hotel di lusso sia in Italia che nel resto del mondo. Il mondo dell’ospitalità porta a Vico il suo know how fatto soprattuto di attenzioni e dettagli per il cliente. 

Nelle eleganti sale del Palazzo Rondanini, antico gioiello architettonico, si cela un tesoro culinario. A due passi da Palazzo Madama e dal maestoso Pantheon, si trova un luogo dove l’arte della pizza raggiunge vette uniche. Qui, tra le mura intrise di storia e fascino, sorge un regno guidato dal rinomato pizzaiolo Enzo Coccia. La sua arte nel maneggiare l’impasto e selezionare con cura gli ingredienti ha reso questa destinazione un must per gli amanti della vera pizza napoletana.

 

I clienti hanno l’imbarazzo della scelta per vivere l’esperienza è unica come gli sfiziosi antipasti, e poi la scelta della pizza, qualsiasi sarà, sarà perfetta: un disco di impasto diretto, sottile e soffice, è la tela su cui si dipanano arcobaleni dell’anima.

Dai pomodorini del piennolo del Vesuvio all’olio extravergine della Penisola Sorrentina, dalle acciughe di Cetara al salame di Napoli, ogni ingrediente è scelto con attenzione per celebrare le prelibatezze della terra. Ogni pizza è una esperienza, una sinfonia di sapori che risuonano con l’autenticità del territorio napoletano. Di Enzo Coccia. Leggete questa storia e gustate l’anteprima di una pizza straordinariamente unica al mondo. 

Enzo Coccia traccia per primo l’identità della pizza

La pizza. Un mondo su cui l’inchiostro dei critici è sempre in atto. Ma la pizza è un punto di partenza. Di un popolo, di una terra e scusatemi, di un uomo. Enzo Coccia.

Enzo Coccia non eleva, ma immerge. Enzo Coccia non è fatto solo di mani, ma di mente. Di sfide e di racconti. Gli stessi che intreccia alle sue ricerche costanti che sono alla base di un dialogo attento e sempre aperto ad accogliere l’impasto spiegato sul suo bancone di marmo. Non per questo Enzo Coccia si pone limiti, anzi! La sua storia è già nella contemporaneità del suo essere prospettiva e apertura. Concretezza e ingegno. Artigiano e pizzajolo. Ed eccolo qua il cuore di Enzo Coccia! 

In queste vesti ha solcato la modernità già in un tempo oramai lontano che oggi proprio lui ha reso storia. 

Immaginatelo così: un ragazzino cresciuto all’ombra di mamma Napoli, dove la stazione e i vicoli già si riempivano di pomodoro, mozzarella e pizza. Lì nel ristorante di famiglia ha iniziato a sentire muovere quell’amore nelle viscere, lì ragazzino mentre aiutava papà Antonio, ha accolto il suo destino. Diventare pizzajolo verace.

Come i grandi sarti di destini avvincenti, Enzo inizia a cucire una nuova possibilità per la sua amata pizza. Concretizza questo sogno nel suo primo locale, La Notizia 53. Era il 1994. E io ricordo quando da piccola non ci spaventava affrontare il traffico, la tangenziale e le preghiere per trovare parcheggio, perché se si chiedeva la pizza, si andava a La Notizia. Perché già allora era una pizza… diversa. Nuova e riconoscibile come unica. Purificata e glorificata in una grande identità.

E proprio l’identità della pizza che Enzo Coccia ha iniziato a scrivere con il suo operato. Una identità che lui stesso ha ricercato ovunque, nei libri, nella storia, nei racconti, nelle antiche testimonianze. Con questo carico di “prove” e senza fermarsi, è stato il pioniere nell’impegno per ottenere il riconoscimento della pizza napoletana come Specialità Tradizionale Garantita, risultato ufficializzato nel 2009 dall’Unione Europea. Ce l’ha fatta Enzo. Ma, ancora una volta non si è fermato. 

Socio fondatore dell’Associazione Pizzaioli napoletani, crea Pizza Consulting per trasmettere l’arte difficile che lo ha reso rinomato in tutto il mondo e per proteggerla da false imitazioni. 

Si rende conto che la sua vocazione ha bisogno di esplorare l’anima di quello che siamo attraverso il cibo: decide così di adempiere alla chiamata seguendo il Master  “Le tradizioni e le culture alimentari dei popoli del Mediterraneo” dell’Università Suor Orsola Benincasa. La mente immensa di Enzo, lo porta a inaugurare una nuova Notizia 94, a pochi metri di distanza dal suo primo locale.

Un format nuovo, dove l’ingrediente gourmet abbraccia l’impasto più discusso del mondo. Enzo per primo al mondo mette il tartufo sulla pizza. Eccola qua, l’amata pizza gourmet! Le polemiche e forse l’invidia iniziano a proliferare, ma in questo momento la guida Michelin riconosce La Notizia nella sua Cattedrale: La Notizia è la prima pizzeria a entrare in Guida. 

Vico è il posto dove Roma può inchinarsi alla storia, alla tradizione, all’immensità di un uomo così umile ma così caparbio, di una pizza così napoletana ma così universale. Vico è l’indirizzo da segnare per vivere una esperienza diversa. Bella. 

Potrebbe interessarti anche questo articolo.

Leave a Reply

quindici + tre =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it