Skip to main content

Ristorante dedicato alla brace e alle affumicature: a San Giovanni dal 2022

Aperto da due anni, il ristorante Dogma è un progetto di una giovane coppia (nel lavoro e nella vita): Gabriele Di Lecce e Alessandra Serramondi. Classe ’94 lui e ’95 lei, i due imprenditori hanno dato vita a un locale curato e attento, frutto delle esperienze passate, ma attualizzato alla zona e alla propria concezione di cucina con un rapporto qualità prezzo imbattibile.

Il concept di Dogma

Perchè “Dogma”? Il nome viene proprio dalla filosofia dello chef e della moglie responsabile di sala. Nient’altro che un assioma, una tecnica e una cura ineccepibile nella forma. Uno stile di cucina attento, meticoloso, risultato di anni nelle migliori cucine di pesce di Roma e dintorni come il Pagliaccio e Il Tino, per anni al fianco di Lele Usai. Non solo, Il Tino è stato anche il luogo del cuore dove i due giovani si sono incontrati per poi spiccare il volo e aprire insieme questo locale.

DOGMA è una proposta nuova e divertente, una cucina genuina e tradizionale, dalle radici solide, ma concepita in un’ottica moderna” racconta lo chef patron Gabriele Di Lecce. “Il filo conduttore di tutti i miei piatti è il passaggio sulla brace, ma anche la grande attenzione alle materie prime provenienti dal mare e alla loro trasformazione”.

Il menu, nonostante il linguaggio articolato, arriva immediato e lampante. Le protagoniste sono la brace e la materia prima di qualità. Ogni piatto è a base di pesce proveniente da produttori attenti ed etici. 

La cottura alla brace (nella maggior parte dei piatti) e altre tecniche di cottura e affumicatura, lasciano spazio a curiosità a immaginazione. Il gusto e l’aspettativa vengono ingannati e lasciano riscoprire un prodotto come se lo si mangiasse per la prima volta. 

Il prezzo è un altro punto sui generis e a favore dei giovani ragazzi. Il loro intento è quello di far assaggiare la propria cucina, lasciarsi incuriosire senza avere una barriera economica che lo ostacoli. I menu proposti sono due: uno di 5 portate (a scelta dello Chef) a 48€, e uno di 7 portate (a scelta dello Chef ) a 68€. 

I piatti sono colorati e divertenti. Le verdure sono spesso presenti e degni di nota sia il pane sia la pasta fatti in casa da loro con farine macinate al momento nel mulino della cucina.

Qualche esempio? Il Crostaceo Flambadou e Cime: mazzancolla cotta direttamente sul carbone rovente, in aggiunta grasso d’anatra e fondo di crostacei. Il tutto accompagnato da spinacio croccante, papavero e bietola.

Spazio al green nel Pesce di fondale, topinambur e sedano rapa: un millefoglie da leccarsi i baffi. 

O ancora il Tagliolino conchiglia e salicornia, o il Cefalo (pescato del giorno) alla brace con broccolo romano e salsa rouille o ancora più sconvolgente e d’impatto, i dolci interpretati alla stessa stregua. 

Troviamo il Tiramisu alla brace, il paris brest, la panna cotta affumicata, la tarte tatin e gelato al fior di latte affumicato.

Il menu cambia spesso in funzione della stagionalità e non solo, diverse proposte per offrire ogni giorno piatti nuovi ai clienti abituali.

La carta dei vini presenta una proposta in continuo divenire, attenta e corretta con produttori che lavorano per lo più in naturale. “La nostra carta è stata creata con molta cura” dice Alessandra “sono presenti solo vini che, come noi, hanno una storia da raccontare”.

Novità: dehor con circa 15 coperti su piazza Zama, per accontentare i clienti che con la bella stagione preferiscono stare all’aria aperta. 

Dogma è aperto dal mercoledì alla domenica, a pranzo dalle 13:00 alle 14:30 e a cena dalle 20:00 alle 22:30. I giorni di chiusura sono il lunedì e il martedì.

Leave a Reply

uno + 7 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it