Skip to main content

Royale, storico partner dell’Associazione Le Soste amplia il suo “impero” per un’offerta di mise-en-place impeccabile: dalla porcellana al calice

Altro tassello importante per la famiglia Fanfarillo: dopo l’accordo del 2016 con Bonnà “Premium Porcelain”, ormai protagonista indiscussa nella produzione di porcellana professionale. Ora tocca a Royale con Spiegelau, senza dubbio una delle realtà più conosciute a livello mondiale nel comparto vetro per tavola.

Le collezione

L’azienda di Como, nata nell’ormai lontano 1986 grazie all’intuizione imprenditoriale di Vittorio Fanfarillo, con la produzione Handmade in Italy di porcellane da buffet e cottura. Nel 2015 ha assunto un ruolo da protagonista sullo scenario internazionale, con il lancio sul mercato delle sue originali ed uniche collezioni realizzate artigianalmente in Italia nella fabbrica di Lomazzo e destinate al mondo del lusso: SuMisura

Ora, per la prima volta nella sua storia, un marchio internazionale per la cristalleria. Si tratta dell’azienda tedesca Spiegelau, un marchio prestigioso, ben conosciuto dagli addetti ai lavori. Spiegelau mostra un aspetto comune con Royale, quello di non dimenticarsi mai delle proprie origini. Le tecnologie messe a punto non sono infatti impiegate a discapito della sapienza artigianale e della passione che accompagna la creazione di ogni oggetto d’arte. Tale competenza antica sta alla base della selezione delle materie prime, vero punto di forza di entrambe. Non ci scordiamo che il marchio Spiegelau è parte integrante della famiglia Riedel!

Le porcellane SuMisura

Tutti gli aspetti del singolo articolo – forma, altezza, diametro – sono stati creati per valorizzare al massimo il carattere e il “bouquet” di sentori tipici del vino.

“Proprio come le nostre porcellane SuMisura, realizzate a mano in Italia – commenta Angelo Fanfarillo, Direttore Generale di Royale. Spiegelau propone articoli dalle grandi caratteristiche tecniche, ma anche dal design raffinato. Questa sinergia garantisce di creare una mise en place sempre elegante e originale, di altissimo livello, sia per le porcellane, sia per il vetro”.

Performance, funzionalità ed eleganza sono le parole con cui potremmo dunque riassumere l’intesa nata tra le due aziende in nome di una ricercatezza sempre più ambita dalla ristorazione contemporanea. “Con questa partnership – continua Angelo – vogliamo offrire un servizio a 360 gradi al cliente, che può così completare la tavola con un’accurata selezione di calici e bicchieri di qualità eccelsa.”

Entrambe le realtà dimostrano grande attenzione all’ambiente e alla sostenibilità, Spiegelau garantisce una lunga durata dei prodotti anche per molti anni e più del 50% del vetro è riciclato all’interno della fabbrica ed è sempre riciclabile al 100%.

“Sono molto felice di questa unione; l’accordo ci permetterà di avere una distribuzione sempre più capillare sul territorio. Si tratta di un marchio “unico”, conosciuto ed apprezzato non solo in Italia, dove è presente da più di 20 anni, ma in tutto il mondo. Ciò consentirà di raggiungere significativi risultati sul mercato, ma anche di fare un altro grande passo nella nostra ricerca di soluzioni sempre più complete, nuove ed affascinanti”.

 

 

 

 

Leave a Reply

diciassette − 15 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]