Skip to main content

Come scegliere un buon olio al supermercato. Una piccola guida che può aiutarci nell’acquisto

L’olio ottenuto dalle olive è un prodotto che, prima di essere disponibile per l’acquisto nei negozi e nei supermercati, segue rigorose regole legali che regolamentano il processo di produzione, gli ingredienti utilizzati, il confezionamento e l’etichettatura. L’acquisto della maggior parte di noi avviene al supermercato. Ecco una piccola guida per non perdersi tra gli scaffali. 

Esistono differenze significative tra gli oli d’oliva, suddividendoli in diverse categorie. Iniziamo con i più pregiati, che appartengono alla categoria degli oli “Vergini”. Tra questi, gli oli “Extra Vergini” sono il massimo grado di eccellenza e dovrebbero sempre essere la scelta preferita. Ma perché? Ecco di seguito le differenza in commercio.

Olio d’oliva vergine

Secondo le disposizioni normative, vengono classificati come oli d’oliva “Vergini” quelli ottenuti dal frutto tramite procedimenti esclusivamente meccanici, senza utilizzare sostanze chimiche e senza alcuna combinazione con oli di diversa origine. In linea di massima, i livelli di acidità, espressi come acido oleico, in questa tipologia di estrazione possono arrivare fino al 2%.

Olio d’oliva extra vergine

Conformemente alle regole di qualità stabilite dalle direttive europee, l’olio viene classificato come “Extra Vergine” quando la sua acidità rimane al di sotto dell’0,8% e quando il processo di estrazione avviene unicamente attraverso metodi meccanici a basse temperature, cioè inferiori a 28 gradi. Questa estrazione a temperature ridotte assicura che l’olio non subisca variazioni dovute alle diverse condizioni termiche.

Olio d’oliva

L’olio d’oliva è ottenuto tramite la combinazione di oli raffinati e oli vergini, con un livello massimo di acidità pari all’1,5%. Gli oli raffinati sono oli che hanno subito processi chimici per ridurre l’acidità, rimuovere la colorazione e talvolta anche eliminare il sapore. Ad esempio, gli oli da cucina di colore chiaro e aspetto semitrasparente rientrano in questa categoria.

Olio d’Oliva Raffinato

L’olio d’oliva raffinato è ottenuto da oli d’oliva di qualità inferiore che sono stati sottoposti a processi di raffinazione per eliminare impurità e odori indesiderati. Questo tipo di olio ha un sapore più neutro rispetto all’olio extra vergine o vergine ed è spesso utilizzato in cucina per friggere e cuocere a alte temperature.

Olio di sansa di oliva

Si tratta di un olio ricavato mediante estrazione con solventi dalla sansa, che rappresenta i resti ottenuti durante il processo di spremitura delle olive nel frantoio. Questi resti contengono ancora una frazione residuale di olio, la quale non può essere estratta tramite metodi meccanici a causa della sua scarsa quantità.

Come scegliere l’olio al supermercato?

Categorie di qualità: Comprendi le diverse categorie di olio d’oliva, come l’olio extra vergine, l’olio vergine e le altre. Per scopi culinari e per ottenere i massimi benefici per la salute, l’olio extra vergine è spesso la scelta migliore.

Etichette e certificazioni: Verifica le etichette dell’olio d’oliva. Cerca la menzione “extra vergine” o “vergine” e assicurati che il prodotto sia certificato. Le certificazioni, come il marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta) o IGP (Indicazione Geografica Protetta), possono essere indicatori di qualità.

Origine: Scopri l’origine dell’olio d’oliva. L’Italia è ricca di olio di alta qualità. La provenienza geografica può influenzare il sapore e l’aroma dell’olio.

Data di Produzione: Controlla la data di produzione sull’etichetta. L’olio d’oliva è migliore quando è fresco, quindi cerca prodotti con una data di produzione recente.

Bottiglia opaca o scura: L’olio d’oliva è sensibile alla luce e all’ossidazione. Scegli bottiglie opache o scure per proteggere l’olio dalla luce diretta.

Acidità: L’acidità è un indicatore della qualità dell’olio. Generalmente, meno è l’acidità, migliore è la qualità. Cerca oli d’oliva con un basso contenuto di acido.

Prezzo: La qualità dell’olio d’oliva è spesso correlata al prezzo. Evita prodotti troppo economici, poiché potrebbero essere di qualità inferiore.

Olio filtrato: Se avete optato per un olio d’oliva con l’etichetta “non filtrato”, prendete un momento per riflettere: nonostante l’aspetto di autenticità, l’olio non filtrato, in realtà, ha una minore stabilità. Invece, l’olio sottoposto a filtraggio garantisce una maggiore durata e qualità del prodotto nel tempo.

Scegli il biologico: Questa scelta è ideale per coloro che cercano una opzione più naturale e sostenibile, oltre a garantire che il loro olio sia privo di residui chimici. Cerca quindi il logo biologico o le diciture “biologico” sull’etichetta quando scegliete il vostro olio d’oliva.

Ma come si legge l’etichetta quando acquisto?

Tipo di olio: il primo elemento da cercare sull’etichetta è il tipo di olio d’oliva. È posizionata accanto al marchio: qui si trovano diverse diciture come “olio extra vergine di oliva”, “olio vergine di oliva”, questa informazione ti indica la qualità e il processo di produzione dell’olio.

Origine: cerca l’indicazione dell’origine dell’olio (solitamente è sul retro). L’etichetta fornisce la tracciabilità dell’olio e delle olive usate: il produttore è tenuto a indicare chiaramente sull’etichetta se il luogo di produzione dell’olio è diverso dalla località in cui sono state raccolte le olive.

Filtraggio: l’etichetta contiene informazioni sul filtraggio e su quali metodi di estrazione sono stati utilizzati. Questo può influenzare la stabilità dell’olio.

Produttore e lotto: l’etichetta deve contenere il nome del produttore o dell’azienda, il marchio associato e l’indirizzo di contatto. Inoltre, una informazione cruciale è il numero di lotto che identifica un gruppo di unità di bottiglie prodotte nelle stesse circostanze.

E per cucinare che olio uso?

Il nostro consiglio è di scegliere sempre olio extravergine di oliva, anche in padella. L’attenzione deve votarsi alla temperatura: la fiamma seppur vivace non deve superare i 65 gradi. 

Porta con te questi consigli sull’acquisto dell’olio, per una scelta più consapevole!

Potrebbe interessarti anche questo articolo.

Leave a Reply

quattro × uno =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it