Skip to main content

La storia di una bontà che unisce cioccolato e rum

Chi ama il cioccolato non può non conoscere i cuneesi, cioccolatini tradizionali del Piemonte che uniscono in modo sapiente la delicatezza del cioccolato fondente con il sapore intenso e inconfondibile del rum.

La versione tradizionale prevedeva anche la presenza di due sottili meringhette, tra le quali viene posta la crema ganache di cioccolato e rum. Ma alcuni pasticceri hanno scelto di eliminarle, per mettere in risalto la consistenza e la piacevolezza della crema.

In questo articolo vi racconteremo la storia di questi squisiti cioccolatini al rum, nati dell’esperienza di talentuosi pasticceri.

Quando è nato il cuneese al rum

Il cuneese al rum è un’eccellenza dolciaria piemontese, nata agli inizi del XX secolo. Caratterizzata dalla presenza di una croccante crosticina di cioccolato fondente che nasconde una profumata ganache di cioccolato e rum.

L’antenato di questo cioccolatino è, con ogni probabilità, il dronerese. Altra specialità dolciaria tipica del Piemonte, il dronerese è formato da due meringhe dalla forma piuttosto tondeggiante tra le quali è posta una crema simile a quella dei cuneesi, realizzata con cioccolato e rum.

La differenza principale tra il dolcetto tradizionale di Dronero e il cioccolatino di Cuneo è il fatto che il secondo è interamente ricoperto con cioccolato fondente. Oltre a questo, presenta in genere delle meringhette più schiacciate.

I primi pasticceri che hanno fatto conoscere il cuneese

L’invenzione del cuneese viene in genere attribuita ad Andrea Arione, il quale lo avrebbe realizzato per la prima volta, presso la sua pasticceria, nel 1923.

Altri pasticceri hanno però contribuito allo sviluppo di questo cioccolatino. Apportando qualche piccola modifica e trasformandolo in quello che gli appassionati conoscono oggi tanto bene e amano. Tra questi pasticceri troviamo Pietro Cussino, fondatore della CUBA.

Cussino apporta una modifica davvero importante e del tutto originale ai suoi cuneesi, pensata per far risaltare ancora di più il sapore dato dall’abbinamento tra cioccolato e rum: elimina le meringhe scoppiate al forno e cola la ganache al rum direttamente in una crosticina di cioccolato fondente Ecuador al 56%. Il ripieno viene da lui realizzato con della crema pasticcera arricchita con rum e cioccolato.

La squisitezza di questa tipologia di cuneese attira anche l’attenzione della Venchi, la quale decide da allora di affidare proprio a Cussino e alla sua azienda il compito di rifornire i numerosi negozi monomarca già allora presenti sul territorio. È a partire dal 2000, tramite la fusione delle due aziende cioccolatiere, che questi leggendari cioccolatini al rum diventano a tutti gli effetti una delle specialità più rinomate firmate Venchi.

Come preparare i cuneesi a casa: una ricetta semplice

Preparare i cuneesi a casa propria è possibile. Ma i risultati, com’è facile immaginare, potrebbero non essere alla pari di quelli delle principali aziende dolciarie e dei pasticceri più rinomati.

Chi vuole provare a cimentarsi nell’impresa deve procedere innanzitutto alla preparazione delle meringhe, utilizzando cacao in polvere, zucchero semolato, zucchero a velo e albume.  Poi facendo cuocere i dischetti per 60 minuti nel forno a 100°, evitando di chiudere lo sportello.

La ganache può essere preparata mischiando della crema pasticcera con rum e cioccolato fondente fuso.

Per comporre i cioccolatini, ponete la crema tra due meringhette e ricoprite con cioccolato fondente fuso di alta qualità.

Leave a Reply

17 + quindici =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it