Skip to main content

Cento ricette di drink e anche più, realizzati da grandi barman e barlady di tutta Italia ispirati a film recenti e non.

Ugo Acampora, barman.

Cinema e drink: ad ogni film, il suo cocktail 

La creatività nel mondo dei drink travalica qualsiasi confine. Drink ispirati a un amore, a una emozione, a un oggetto, ai luoghi del cuore e a un film amato. I Maestri del Cocktail e Carlo Dutto, in collaborazione con la Guida ai Migliori Cocktail Bar d’Italia, app gratuita scaricabile al link www.blueblazer.it/app hanno chiesto ad alcuni dei migliori bartender italiani di individuare un proprio film del cuore cui ispirarsi. Ne sono scaturite poi decine e decine di drink, ispirati a filmografie delle più disparate. Si trovano infatti i classici Via col Vento arrivando ai neo-classici firmati Quentin Tarantino. Anche tanti registi italiani sono al centro dell’ispirazione. Da Giuseppe Tornatore a Gabriele Mainetti, passando per David Lynch e il suo Mulholland Drive, dai film romantici a Mad Max, passando per i cinecomics e i recenti Avengers: Endgame e Hammamet. questi film infatti hanno ispirato l’uso di tutti gli ingredienti presenti nel mercato. Ci sono ricette coniugate con cognac, rum, mezcal, tequila, whisky scozzese, irlandese, bourbon americani del Kentucky, vermouth piemontesi, gin inglesi, romani e toscani, amari e bitter, ma anche vodka, ginger beer, limoncello, acquaviti, per una nuova ‘geografia cinematografica del bere di qualità’. Preparazioni semplici e meno semplici, da gustare nei loro ingredienti di qualità, ricette create ad hoc da bartender cinefili, per sperimentare sé stessi dietro il bancone con un occhio al Grande Cinema.

Drink “Lo Smeraldo

Drink Lo Smeraldo

Un esempio interessante di questo abbinamento tra cinema e drink ce lo fornisce Ugo Acampora. Dal suo quartier generale, il Twins, cocktail, Wine, coffee di Napoli, già vincitore del Premio Strega Mixology 2018, ha ideato il drink Lo Smeraldo. Si ispira al film “Sapore di Mare” del 1983. La regia di Carlo Vanzina mette sapientemente in evidenza racconti di una media borghesia di metà anni Sessanta in vacanza a Forte dei Marmi. Ne viene fuori un drink che ricorda appieno quelle sensazioni di leggerezza spensierata, che solo le notti d’estate, piene di passione, sogni e chiacchiere indimenticabili davanti a un cocktail possono offrire.

INGREDIENTI:

4,5 cl Fifty Pounds London Dry Gin infuso ai limoni scottati
2 cl succo di limone
2 cl di sciroppo di alga spirulina 
Falanghina carbonataBicchiere: coppa champagne
Garnish: crusta di alga spirulina in polvere

PREPARAZIONE:
Con la tecnica shake & strain si versano tutti gli ingredienti, eccetto la falanghina carbonata, all’interno di uno shaker. Si shakera per circa 10 secondi e si versa il tutto in una coppa champagne, colmando con la falanghina carbonata

Leave a Reply

uno × tre =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: [email protected]