Skip to main content

Bon ton del vino, sì anche tra amici!

Oggi voglio parlare di quelle “regolette” che sarebbe opportuno rispettare. Regolette che nell’insieme formano il bon ton del vino.

E allora, senza troppi fronzoli partiamo subito.

Immaginiamo che hai organizzato una cena per i tuoi amici. La situazione sarà chiaramente informale, ma è giusto fare attenzione ad alcuni dettagli.

Che faccio, la apro?

La tavola è pronta, l’aperitivo con la sua bolla è in fresco e suonano alla porta. Ecco i tuoi amici arrivare e omaggiarti con una bottiglia di vino. Buona regola è che apriamo sempre le bottiglie che ci vengono regalate insieme al mittente. Eppur vero però che spesso la bottiglia in questione non è pronta, per diversi motivi. Cosa fare in questo caso? Bisogna seguire una sola regola, condividere in ogni caso.

Come si apre una bottiglia di vino?

Che domande! Eppure spesso combiniamo pasticci creando non pochi imbarazzi. Per prima cosa, teniamo la bottiglia ferma sul tavolo, magari con l’etichetta rivolta verso i nostri ospiti.

bon ton del vino

Se si tratta di una bolla…

A meno che non sia un grande giorno da festeggiare, evitiamo il botto. Per prima cosa, togliamo la capsula e la gabbietta. Teniamo con la mano destra la base della bottiglia, mentre con la sinistra teniamo tra pollice e indice il tappo. Facciamo roteare la bottiglia dalla base, la pressione interna spingerà su il tappo mentre con il pollice sinistro terremo tutto sotto controllo. In questo modo il tappo si libererà e non avremo il botto. Possiamo servire? No, prima annusa il tappo, non dimenticarlo mai!

Se si tratta di un fermo…

Questa forse è un’operazione che ripetiamo quotidianamente, ma una ripassatina può far bene. Iniziamo incidendo la capsula alla base del collo della bottiglia con il coltellino del cavatappi. Facciamo un’altra incisione in altezza, così sarà più facile rimuovere la carta. A questo punto, tiriamo su il verme del cavatappi e cercando di posizionarlo al centro del tappo, andiamo giù. Appoggiamo la levetta del cavatappi al lato del collo della bottiglia e tiriamo su il tappo. Aiutati poi con le mani per estrarre il tappo totalmente. Annusa il tappo, asciuga eventuali gocce cadute e servi.

Cin cin!

No, proprio non si dovrebbe dire. In realtà non si dovrebbero nemmeno toccare i calici tra loro. Il suono che ne deriva viene considerato poco elegante.

bon ton del vinoPiccolo promemoria di degustazione

Non bisogna essere degli esperti o dei sommelier. Il vino è anche conviavialità e può essere un momento di divertimento conoscere il vino che stiamo bevendo.

Tieni sempre il calice dalla base;

Guarda sempre il colore, che si tratti di un bianco, di un rosso o di un rosato è bello vedere quante sfumature può raccontare un vino!

Odora il vino, senti e condividi le emozioni che ti porta al naso, ma non esagerare, o meglio, se li senti bene, se no, limitati solo a quello che senti.

NO a gesti plateali. Non roteiamo il calice come una ginnasta capace, non tiriamo su come se avessimo il naso tappato, né beviamo sorsi infiniti. Tutto sì ma con calma e buon gusto;

Amiche, infine, cerchiamo di evitare macchie di rossetto sul calice… non è carino.

Potrebbe interessarti anche questo articolo.

 

Leave a Reply

16 + 1 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it