Skip to main content

Il nuovo progetto enogastronomico creato nel borgo di Castello del Terriccio con spazio degustazione nato in collaborazione con lo chef Cristiano Tomei

Sul finire di questo 2021, che segna i 100 anni di proprietà di Castello del Terriccio da parte della famiglia dell’attuale titolare Vittorio Piozzo di Rosignano, è nato Terraforte. Il  nuovo progetto enogastronomico creato nel borgo della Tenuta in collaborazione
con lo chef stellato Cristiano Tomei. L’intento è quello di offrire un luogo di “vero ristoro” grazie a un contesto naturale di notevole fascino. Con ingredienti locali di altissima qualità e un menu studiato per affiancare le grandi etichette di Castello del Terriccio e bollicine di alta gamma.

Le parole di Vittorio Piozzo, titolare di Castello del Terriccio

“Sin da piccolo quando venivo a trovare lo zio Gian Annibale ho sempre pensato che Castello del Terriccio fosse un posto magico, carico di fascino e al di fuori del tempo. Per questo, ora che ne sono alla guida voglio creare occasioni per permettere anche ad altri di vivere quest’esperienza – dichiara Vittorio Piozzo, titolare di Castello del Terriccio. Appena insediato però è arrivato il Covid e tutto si è fatto incredibilmente difficile e incerto. Non ho voluto desistere e, seppur con qualche inevitabile rallentamento, il progetto di recupero di alcuni edifici della Tenuta è partito e ora si vede il primo grande risultato.

L’antico casale del borgo, un tempo adibito a falegnameria, antistante la cantina storica, è stato convertito in un bellissimo ristorante con spazio degustazione, affacciato su un giardino panoramico e con ampi spazi esterni. Volevamo che a gestirlo ci fosse uno chef capace di interpretare al meglio l’anima del posto ed esaltarla con la sua creatività. Non potevamo essere più felici quando Cristiano Tomei si è dimostrato entusiasta di condividere la nostra idea. E’ con emozione che sabato scorso abbiamo presentato Terraforte!”

Il progetto di Cristiano Tomei per Terraforte 

“Questa è una collaborazione nata per caso aggiunge Cristiano Tomei, toscanissimo e stellato titolare de L’Imbuto di Lucca nonché chef dell’hotel Bauer Palazzo a Venezia – che ha portato a concepire un progetto che si sviluppa in un mondo, quello del Castello del Terriccio, dove trovi vino, olio, coltivazioni, allevamenti, boschi, borgo. Un microcosmo di spazi e di risorse che vive da sempre immerso nella bellezza. Può diventare un esempio di sviluppo armonico col territorio, un elemento pulsante, non una Disneyland del cibo.

Terraforte nasce così, dal rispetto e dalla conoscenza di questi luoghi, dei suoi frutti, delle sue persone e dei suoi tempi con l’intenzione di recuperare totalmente l’etimologia del verbo “ristorare”. Da qua, circondati e ben piantati sulla Terra, si vede il Mare. Questo è il paesaggio che intendo costruire nella cucina di Terraforte valorizzando i valori perduti. La sacralità di una pappardella, di una bistecca, del daino cotto nell’estratto di ginepro, di una patata fritta toscana, dei due fritti, di mare e di cortile. Un percorso che ha radici comuni che ora si intrecciano. Fatto di qualità totale, nessun compromesso e l’uso delle risorse locali, fra cui tutte le erbe locali di questo splendido territorio.”

Castello del Terriccio una delle maggiori proprietà agricole di Toscana

Circa 1500 ettari complessivi, estesi lungo il limite settentrionale della Maremma Toscana nelle vicinanze di Bolgheri. Oltre ai circa 65 ettari a vigneto e ai 40 ettari a uliveto. L’azienda è composta di boschi, macchia mediterranea, coltivazioni di cereali.  Si trovano anche pascoli destinati all’allevamento dove vivono libere mandrie di bovini di razza Limousine. Con Lupicaia, Castello del Terriccio e Tassinaia, annoverati sin dai loro esordi tra i più grandi vini rossi italiani, l’azienda ha contribuito al successo della enologia toscana e italiana nel mondo.

Leave a Reply

14 + 2 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it