Skip to main content

La famiglia Ponti continua a fare la storia con i suoi aceti, sottoaceti e sottoli, condimenti e sughi pronti. Dal 1787 una garanzia sulla tavola non solo degli italiani

 

La Storia della famiglia Ponti

La bottiglia di aceto Ponti è ormai nota a tutti gli Italiani, tutti o quasi nella nostra vita abbiamo avuto almeno uno dei prodotti intramontabili di Ponti. Questo sicuramente è dovuto anche alla grande storia di uno dei marchi storici del bel Paese. Tutto ebbe inizio a Sizzano, in provincia di Novara dove l’agricoltore Giovanni Ponti nel 1787 comincia a produrre vino ed aceto. Il figlio Antonio amplia l’attività artigianale iniziando a dare carattere internazionale al prodotto partecipando a fiere ed esposizioni nazionali ed internazionali. Ben presto si inizia a parlare dell’azienda, grazie all’aiuto del figlio di Antonio, Guido, l’offerta produttiva di amplia attraverso le conserve vegetali all’aceto e all’olio di oliva. Siamo intorno al 1948 anno in cui Guido Ponti ottiene il diploma alla Regia scuola di Viticoltura e di Enologia di Alba diventando il maggior esperto del settore. Nello stesso anno, viene inaugurato l’attuale stabilimento di Ghemme.

L’attività imprenditoriale della famiglia Ponti

Il cambio di passo si verifica con la nuova generazione. I fratelli Cesare e Franco, figli di Guido, hanno ben chiare le idee: attraverso l’acquisizione dei maggiori acetifici concorrenti e la conquista dei mercati internazionali l’attività imprenditoriale si espande di gran lunga. Nel 1974 viene inaugurato il secondo stabilimento di produzione di aceto, nel Veneto, a Dosson di Casier (Treviso), diventando la prima azienda italiana del settore. La posizione strategica serve a coprire le richieste dei clienti del nord-est d’Italia e i mercati dell’Europa settentrionale ed orientale.

Nel 1980 l’acquisizione del secondo produttore nazionale di aceto rappresenta un ulteriore rafforzamento della leadership nel mercato. Nel 1986 si inaugura il nuovo attuale stabilimento delle conserve vegetali a Ghemme.

Solo 3 anni dopo Cesare e Franco Ponti inaugurano il terzo e più moderno stabilimento per la produzione di aceto ad Anagni (Frosinone), a 80 km a sud di Roma. Per estensione risulta essere il più grande stabilimento del Gruppo Ponti, dotato di modernissimi impianti di produzione e con una potenzialità di sviluppo capace di duplicare la produzione attuale. A livello internazionale nel 2014 viene fondata Ponti FRANCE con sede a Parigi e nel 2015 Ponti USA con sede a New York.

La diversificazione degli aceti

Nel 1991, mentre continuano l’espansione e la diversificazione, viene acquisito l’80% della Modenaceti Srl di Vignola (Modena), specializzata nella produzione di Aceto Balsamico di Modena.

Con questa mossa la famiglia Ponti si trova un polo situato in posizione strategica nel cuore della zona riservata alla produzione del ricercato aceto.

La cantina d’invecchiamento ospita giornalmente oltre 3 milioni di litri di aceto balsamico di Modena che riposano in botti, barili e barriques di legno pregiato.

Nel 1992 nascono due nuovi prodotti di successo, l’Aceto di Mele e l’Insalata di Riso.

Una crescita che non trova fine quando nel 1997 Ponti diventa leader europeo nell’aceto di vino. Viene inoltre rinnovato lo stabilimento di Vignola, che diventa il più grande impianto di maturazione e invecchiamento nell’area di Modena.

Innovazione e produzione

La continua ricerca di innovazione e tecnologia all’avanguardia permette alla famiglia Ponti di essere leader mondiale nella produzione di aceto di vino.

La capacità di imbottigliamento giornaliera degli Acetifici del Gruppo Ponti, in un turno di 8 ore, è di 450.000 bottiglie. Una vera e propria leadership costruita anno dopo anno, investimento dopo investimento. Nel 2007 Ponti entra a far parte del Consorzio Italia del Gusto, che comprende le più importanti aziende italiane del settore alimentare. I riconoscimenti ormai sono parte integrante della produzione così come l’idea della riduzione degli sprechi che atterra nel 2012 quando le bottiglie di vetro vengono sostituite dalle bottiglie di PET contrastando la produzione di CO2 in fase di trasporto. Nel 2021 la famiglia Ponti può vantare del riconoscimento di società di benefit sia nel settore degli aceti sia in quello delle conserve di verdure.

 

L’aceto di Mele Ponti

L’aceto di Mele, varietà sempre più apprezzata dai consumatori per la sua delicatezza, ha delle caratteristiche ben precise per la famiglia Ponti che può vantare della certificazione di prodotto SGS.

Tramite questo attestato, l’azienda Ponti permette ai consumatori la tracciabilità delle mele usate all’interno dell’aceto. Addirittura è possibile risalire al comune di provenienza, alla data di raccolta e alla varietà che compone l’aceto. Neanche a dirlo, ovviamente 100% mele italiane. Solo per citare un esempio, nella stagione 2022/2023 il raccolto presenta le caratteristiche della provenienza dalla provincia di Cuneo, in particolare la filiera corta e veloce ha permesso il raggio di raccolta entro i 50 km ed entro una settimana dall’introduzione nello stabilimento sono state trasformate in sidro.

 

L’aceto degli Italiani

Leader nel suo settore, l’aceto Ponti ha presenziato le nostre tavole in ogni occasione. Da tanti anni porta qualità del made in Italy riconducendo i loro prodotti in vere e proprie garanzie. Deve essere un nostro vanto un’azienda che negli anni non ha mai snaturato il business ampliando sempre di più le tecnologie, la qualità e la gamma prodotti. Partiti dal nulla e resi celebri per un condimento che non viene più usato solo nelle insalate ma, permette accostamenti bizzarri e armonici esaltandone le caratteristiche di cibi come formaggi, salumi, verdure e fritti.

I nuovi prodotti Gusto Intenso,  HD Alta Intensità ed Invecchiato rendono l’aceto balsamico di modena fruibile a tutti i consumatori che vogliono provare nuovi sapori e che amano l’abbinamento di diversi piatti e ricette. Il DolceAgro invece, rende ideale l’esaltazione del gusto nelle carni bianche e nel pesce. Che dire, ad ogni piatto il suo aceto!

Leave a Reply

sedici − 16 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it