Skip to main content

Tre vini bianchi e tre grandi piatti della tradizione friulana

Tre vini? Risponde il Friuli-Venezia Giulia è una regione ricchissima in termini enologici e gastronomici. Terra di confine, luogo di incontro tra culture e tradizioni diverse, ogni angolo di questa regione subisce influenze che, in molti casi, si riflettono compiutamente nei piatti. Anche dal punto di vista vitivinicolo c’è una grande varietà, con zone come quella del Collio e del Carso che si distinguono nettamente tra loro e dalla zona dei Colli Orientali. Sebbene non manchino grandi esempi di vini rossi come nel caso dello Schioppettino, sono i bianchi ad essere particolarmente diffusi e apprezzati. Ribolla Gialla, Pinot Grigio, Friulano, Picolit e vitigni internazionali come Sauvignon e Chardonnay trovano qui grandissime interpretazioni, sia di matrice convenzionale che improntata sulle bucce, come nel caso degli Orange Wine. Ecco quindi tre grandi bianchi, abbinati ad alcuni tra i più famosi piatti della tradizione friulana.

La Minestra di bobici & lo Chardonnay del Carso
‘La Bora’ 2012 – Kante

Zona: Venezia Giulia Igt;
Uvaggio: 100% Chardonnay;
Colore: Giallo paglierino;
Gradazione Alcolica: 12.5%;
Al naso: Pesca, scorza d’arancia, burro, note iodate;
Al palato: Fresco, avvolgente e con una mineralità spiccata;
Lo consigliamo: Perché si accompagna bene al mais, ingrediente principe di questa sostanziosa zuppa.

I Cjarsons & il Pinot Grigio Ramato
Pinot Grigio ‘Dessimis’ 2020 – Vie di Romans

Denominazione: Isonzo Doc
Uvaggio: 100% Pinot Grigio;
Colore: Giallo paglierino con riflessi ramati;
Gradazione Alcolica: 14,5%;
Al naso: Pompelmo rosa, fiori di campo, vaniglia;
Al palato: Un vino rotondo ed equilibrato, con le morbidezze ben bilanciate da una rinfrescante vena acida;
Lo consigliamo: Perché le sue note dolci si sposano bene con il particolare ripieno di questi ravioli.

La Gubana & il Picolit
Picolit di Cialla 2013 – Ronchi di Cialla

Zona: Colli Orientali del Friuli Picolit Docg;
Uvaggio: 100% Picolit;
Colore: Giallo dorato;
Gradazione Alcolica: 13,5%;
Al naso: Fiori d’acacia e scorza d’arancia candita, miele e spezie;
Al palato: Intenso e di persistenza infinita, avvolge il palato di sensazioni dolci per poi ripulirlo con la sua spiccata freschezza.
Lo consigliamo: In un abbinamento pluritestato, quello con il dolce che per antonomasia rappresenta la tradizione friulana.

Leave a Reply

tredici − 1 =

Close Menu

So Wine So Food

I più grandi chef, le tendenze internazionali, gli eventi più trendy e le cantine migliori in territorio nazionale e internazionale.

Project by K-Lab Project

© 2015 SOWINESOFOOD
Iscrizione al registro stampa del
tribunale di Velletri (Roma) N. 15/2016 del 18/08/2016

T: 0691516050
E: info@sowinesofood.it