Stefano Broccoli, pioniere della pasticceria vegana

Il dolce vegano è un prodotto che si sta facendo conoscere anche grazie al lavoro di chef come Stefano Broccoli, attraverso corsi di cucina veg e al suo locale Dolcevita

 

La pasticceria vegana è un settore in fase di evoluzione, ancora sconosciuto alla stragrande maggioranza delle persone, ma tuttavia in forte crescita. Stefano Broccoli, docente della FunnyVeg Academy di Milano e chef titolare della Dolcevita di Bergamo, con il suo contributo sta avvicinando il grande pubblico a questi sapori che, parola di chef, non sono così diversi da quelli "tradizionali".

Fin dell'adolescenza coltiva questo interesse per il cibo vegano..

“Sono vegetariano dall’età di 11 anni. Ciò che inizialmente mi ha spinto ad intraprendere questa strada sono stati gli scritti di alcuni autori che apprezzavo molto fin dall’infanzia come Dostoevsky che, essendo un  vegetariano, oltre alle grandi opere scrisse un trattato sul cibo. Così mi avvicinai a questo mondo e a questa filosofia del mangiare”.

Perché ha scelto di cimentarsi nella pasticceria vegana?

“Innanzitutto per la mia predilezione per i dolci. Quando ho iniziato ad apprendere le basi di questa cucina, negli anni Ottanta, la pasticceria vegana era un settore inesistente, soprattutto in Italia. Essendo vegano ho sempre avuto il desiderio di cucinare dolci che non contenessero prodotti di derivazione animale e fossero buoni. La mia formazione culinaria è di impronta macrobiotica, ma i dolci macrobiotici sono apprezzabili solo da palati molto allenati. Soprattutto perché non è previsto l’uso di zucchero”

La sua cucina prevede l’uso dello zucchero?

“Assolutamente sì, anche quello bianco. Ma ovviamente non utilizzo uova e latte. Al posto di quest’ultimo utilizzo bevande vegetali come per esempio il latte di mandorla e quello d’avena. La differenza tra i miei dolci e quelli tradizionali non si sente, sia dal punto di vista dei colori, sia per quanto riguarda il sapore. Seguo una linea di pasticceria di impronta americana, abbastanza carica di ingredienti e saporita. Parallelamente ho una linea di prodotti più light”.

Anche i carnivori apprezzano i suoi dolci?

“Certo. I miei clienti scelgono di mangiare i miei prodotti innanzitutto perché gli piacciono, perciò non devono essere per forza vegani. Anche gli allievi del corso, che scelgono di imparare le tecniche di preparazioni, non sono tutti vegani. Spesso alcuni di loro vogliono semplicemente inserire all’interno della loro pasticceria una scelta vegan in alternativa a quella tradizionale”. 

I dolci vegani sono più salubri?

“Sono sicuramente più leggeri degli altri. Non è presente colesterolo ed i grassi non sono idrogenati, inoltre spesso si ricorre all’uso di zuccheri alternativi”.

Stefano Bellachioma

 

Photo credits - Andrea Tiziano Farinati

 

Stefano_Broccoli
Stefano_Broccoli
Stefano_Broccoli
Stefano_Broccoli
Stefano_Broccoli
Stefano_Broccoli
 

Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites - Bets.Zone - UK Gambling Websites Use our complete list of trusted and reputable operators to see at a glance the best casino, poker, sport and bingo bonuses available online.

Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con la nostra Cookie Policy. Consulta la Cookie Policy