Domestic, dove il gourmet incontra la convivialità

Cistoffern Norton ci racconta del suo ristorante e dell'evoluzione della cucina tradizionale danese dopo l'assegnazione delle stelle Michelin

 

Nella regione di Aarhus, in Danimarca, quest'anno sono state assegnate ben undici stelle dalla guida Michelin dedicata ai paesi scandinavi. Segno, questo, di un cambiamento in corso nella cucina danese e nelle esigenze che i clienti hanno maturato nel tempo. Ne abbiamo parlato con Cristoffer Norton, head chef del ristorante Domestic, aperto dal 2014, premiato con una Stella. Luogo in cui l'incontro con il cibo è indissolubilmente legato a quello umano.

 

Mister Norton, quest'anno la Danimarca si è aggiudicata un record importante di ben 31 riconoscimenti stellati da parte della guida Michelin. In crescita costante anno dopo anno. Cosa significa secondo lei questo traguardo e in quale direzione si muove la cucina danese?

“La cucina danese è stata per moltissimi anni una delle cucine più noiose di sempre: patate, salse a volontà, burro e pochissima sperimentazione. Credo che sia avvenuto un cambiamento importante in termini di consapevolezza, da quando abbiamo capito che i visitatori che vengono ad esplorare questo paese e, in particolare questa regione, non vogliono sedersi ad un tavolo di un ristorante italiano o indiano, ma vogliono provare le nostre tradizioni. Senza questa fondamentale visione la nostra cucina non poteva crescere, ma oggi le cose sono e stanno cambiando verso un traguardo di eccellenza, tradizione, innovazione importante”.

E all'interno del Ristorante Domestic, cosa è cambiato dopo aver raggiunto la stella Michelin?

“Per noi è stata una bella rivoluzione, abbiamo quasi triplicato i nostri coperti e le aspettative dei clienti erano molto alte. Ma abbiamo continuato a fare quello che abbiamo sempre fatto: cucina di qualità attraverso prodotti stagionali, locali”.

Quali sono gli ingredienti che non possono mancare nella vostra cucina?

“Ti direi i frutti di mare, ma il nostro è un menù in costante cambiamento perché cuciniamo ciò che i produttori di Aarhus hanno da offrirci. Quindi l'ingrediente principale è proprio la nostra regione con tutti i suoi frutti. C'è poi anche la nostra relazione con chi si siede ai nostri tavoli”,

Ovvero?

“I clienti di oggi vogliono conoscere il cibo, ma anche le mani che lo preparano. Per questo noi ci presentiamo a tutti e a tutti presentiamo le nostre portate. Ma è anche lo spirito del ristorante, fondato dall'idea di quattro amici: avere un luogo in cui vivere un'esperienza come a casa di qualcuno che si conosce da anni”.

Per questo il nome Domestic?

“Esattamente, perché sentirsi a proprio agio in un ristorante, come ci si sente a casa propria, rende l'esperienza gastronomica unica e anche più buona”. 

 

Gianluca Grasselli

 

Domestic
Domestic
Domestic
Domestic
Domestic
Domestic
Domestic
Domestic
Domestic
Domestic

Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites - Bets.Zone - UK Gambling Websites Use our complete list of trusted and reputable operators to see at a glance the best casino, poker, sport and bingo bonuses available online.

Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con la nostra Cookie Policy. Consulta la Cookie Policy