Nell'entroterra della regione Lazio, tra le colline ciociare, a circa 400 metri sul livello del mare, ha origine il prestigioso Cesanese di Casale della Ioria, un vino splendido e il primo DOCG ad essere riconosciuto nel Lazio

Da “Torre del Piano” il Cesanese superiore riserva, all'“Olivella”: questi ed altri ancora i vini prodotti con coraggio, passione e curiosità sin dal 1921 dal Casale Della Ioria.

E' Paolo Perinelli, proprietario dell'azienda, a raccontare la storia e l'evoluzione del Cesanese del suo Casale della Ioria: un vigneto di circa 38 ettari tra le colline ciociare di Anagni Paliano ed Acuto, per una produzione di 80.000 bottiglie l'anno. Il Cesanese nasce come Doc nel 1974 ed è un vitigno storico della provincia di Frosinone, anche se si è provato a coltivarlo altrove ma senza successo.

“La curiosità e la voglia di fare cose nuove sono sempre all’ordine del giorno”

- Paolo Perinelli -  

Dal '74 in poi si sono susseguiti momenti diversi per Casale della Ioria: dalle difficoltà ad affermarsi quando tutti in Italia sembravano preferire i vini bianchi quasi trasparenti, ai primi riconoscimenti nel 2001, quando proprio partecipando al concorso nazionale di Vinitaly, il Casale vince la sua prima medaglia di argento. E non è tanto il fatto di aver vinto una medaglia ad aver incoraggiato la produzione del Casale, quanto piuttosto il fatto di essere giudicati da una giuria internazionale arrivando a pari merito con un Amarone. Di lì l'inizio di una rinnovata attenzione, altri premi e riconoscimenti, la nascita del Consorzio, poi della Strada del Cesanese, fino ad arrivare alla modifica da Doc a Docg nel Luglio 2008, primo Docg in assoluto ad essere riconosciuto nel Lazio. “Noi ci abbiamo sempre creduto, sin dal 1921, il Cesanese l'abbiamo sempre fatto” e non è un caso dunque che sia stato proprio il Casale l'unica azienda in grado di proporre qualche tempo fa, in occasione di una degustazione di Vinitaly, una verticale e cioè 10 vini di annate diverse della stessa tipologia di vino. “Questo vitigno è splendido perché ci può dare un vino abbastanza pronto, subito dopo la raccolta ma anche un grande vino da invecchiamento.

E' la tipologia dell'uva che lo permette”. Torre del Piano è il vino “fiore all'occhiello” del Casale, quello che ha collezionato più riconoscimenti, non in ultimo i 5 grappoli della Fondazione Italiana Sommelier. Altra cosa a cui tiene molto Perinelli, è il riconoscimento SloWine arrivato sia per il rispetto della natura - le vigne sono letteralmente circondate da boschi - sia per l'attenzione alle tradizioni. Casale della Ioria, infatti, è stato l’unico produttore di un vitigno autoctono sempre della ciociaria, ma che è in via d’estinzione: il vitigno di esperia, che ha dato vita al rosso Olivella. Un vino dal colore viola acceso che si mantiene inalterato nel tempo e dall'inusuale basso grado alcolico: in sostanza un rosso con pochi tannini che assomiglia molto di più ad un bianco e può essere consumato anche fresco. Ma Casale Della Ioria non è solo territorio, tradizione, italianità, ma anche esportazione all'estero: dagli Stati Uniti a Tokio, da Stoccolma a Monaco ed è oggetto di nuove sperimentazioni. Perinelli presenterà a breve il suo Cesanese Frizzante, un Cesanese che era presente nella Doc vecchia ma poi non più prodotto, perché a Casale della Ioria la curiosità e la voglia di fare cose nuove sono sempre all’ordine del giorno. 

Casale della Ioria
Casale della Ioria
Casale della Ioria
Casale della Ioria

 

Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites - Bets.Zone - UK Gambling Websites Use our complete list of trusted and reputable operators to see at a glance the best casino, poker, sport and bingo bonuses available online.

Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con la nostra Cookie Policy. Consulta la Cookie Policy