Cave Mont Blanc: il vin de glace che ama il terroir du Mont Blanc

Prié Blanc: un solo vitigno e tante identità. Da un lato l’autenticità e l’originalità, la tradizione enologica valdostana e l’ice wine, dall’altro una personalità poliedrica che accontenta ogni tipo di palato. Ce lo racconta l’enologo della cantina Nicola Del Negro

 

Morgex, Valle d’Aosta. Siamo nel cuore della Valdigne, a più di 900 mt di altitudine. Verdi vallate si rincorrono e si tuffano negli specchi d’acqua limitrofi, mentre le Alpi dominano prepotentemente il paesaggio. L’aria frizzantina e un cielo terso incorniciano la Cave Mont Blanc De Morgex et De La Salle, ma la nostra curiosità è tutta per la vinificazione in quota. Sono 2173 i metri che custodiscono il Cuvée des Guides, lo spumante d’alta quota che vinifica a metà strada tra la vetta e i fianchi del Monte Bianco.

Dalla filosofia  germanica  e da quella latina ossidativa nascono vini dalla spiccata personalità: uno di questi è il vin de glace, la cui spumantizzazione, ci racconta Del Negro, “nasce da una collaborazione con le guide alpine di Courmayeur e Cervinia, e da una esigenza sempre più forte di legare il vino al territorio. Chi più di noi poteva vinificare uno spumante sul Monte Bianco?”. L’indiscusso protagonista anche qui è il Prié Blanc de Morgex che “, vinificato a Morgex. Dopo un periodo di circa 7 o 8 mesi di affinamento viene trasferito al Pavillon grazie alla Skay Way sul Monte Bianco. Qui avviene tutta la pratica della spumantizzazione”.  Servono ben 2 anni, 24 mesi, per l’affinamento del Cuvéè des Guides, segue poi il “dégorgement à la volet delle prime 60 bottiglie immerse nella neve”, mentre, le restanti “vengono sboccate sempre in cantina a 2200 metri”.

La temperatura  propizia, l’altitudine  e la pressione  atmosferica  fanno il resto. “Il metabolismo in quota è influenzato in maniera diversa dalla pressione esterna e, successivamente, le temperature naturalmente basse e più costanti durante l’anno, sono più selettive verso le mannoproteine rilasciate durante l’autolisi del lievito”. Sono molteplici i fattori che fanno di queste bollicine glaciali un nettare raffinato, elegante e singolare, anche se “a tutti gli effetti, questa tipologia è un metodo classico, l’unica variabile è la quota di produzione. Il risultato è quello di avere una bollicina ancora più piccola e di maggior qualità". Colore  giallo paglierino che cela timidamente dei riflessi verdognoli, note floreali e minerali che restituiscono alla papille una freschezza tipica dell’ice wine.

Ma quanto  costa un sorso del Monte Bianco? Dalla neve alla carta dei vini “questa tipologia, per la sua unicità, viene collocata a circa 80 euro in enoteca e più sulla carta” poiché “l’areale del Blanc de Morgex et de La Salle che viene coltivato ancora  oggi interamente a mano senza l’ausilio di macchinari, ha dei costi di produzione di uva molto alti, date dalle ore di lavoro in vigneto. Se in generale si stimano circa 600 ore ha per un allevamento a spalliera, arriviamo quasi al doppio: 1100 ore per un allevamento a pergola bassa come quello del Prié Blanc”. L’ultimo colpo d’occhio ce lo regalano proprio i pergolati: sfidano i ripidi fianchi della montagna facendosi solennemente spazio tra arzigogolati pendii che preservano uno spumante d’alta quota sui generis.

 

Valentina Forte

 

CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc
CaveMontblanc

Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites - Bets.Zone - UK Gambling Websites Use our complete list of trusted and reputable operators to see at a glance the best casino, poker, sport and bingo bonuses available online.

Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con la nostra Cookie Policy. Consulta la Cookie Policy